La carenza di chip costringe FCA, Ford, Toyota e Nissan a tagliare la produzione

FCA
FCA

Ford Motor Co, Toyota Motor Corp, Fiat Chrysler Automobiles e Nissan Motor Co Ltd hanno dichiarato venerdì che avrebbero tagliato la produzione di veicoli questo mese a causa della carenza di semiconduttori, diventando le ultime case automobilistiche colpite dalla mancanza di chip mentre la domanda di auto riprende dalla crisi del coronavirus.

Honda Motor Co ha anche detto venerdì che la sua produzione in Giappone potrebbe essere influenzata da una carenza di semiconduttori.

Le case automobilistiche e i produttori di elettronica stanno affrontando una carenza globale di chip poiché la domanda dei consumatori è aumentata in seguito alla pandemia di coronavirus, causando ritardi nella produzione.

L’analista di Credit Suisse Daniel Levy ha affermato in una nota di ricerca che i problemi di fornitura di chip potrebbero limitare la produzione di auto a breve termine per l’industria, ma i funzionari del settore hanno affermato che stanno dando la priorità alla produzione di veicoli a più alto profitto.

I principali fornitori di chip per auto come NXP Semiconductor hanno affermato che la produzione di auto è rimbalzata più velocemente del previsto dalla pandemia, lasciandoli in difficoltà per recuperare il ritardo.

Nel frattempo, la capacità di produzione di chip è stata ridotta a livello globale poiché i laptop volano via dagli scaffali, visto che ormai sempre più persone lavorano da casa e PC e console di gioco vendono pesantemente, aziende leader di chip come Nvidia Corp fanno presente i vincoli di fornitura.

E le autorità di regolamentazione statunitensi vogliono inserire nella lista nera Semiconductor Manufacturing International Corp della Cina, il più grande produttore di chip a contratto di quel paese e ha inviato aziende di chip in tutto il mondo a cercare nuovi partner.

La casa automobilistica americana Ford ha detto che lascerà inattivo il suo impianto di assemblaggio di Louisville, Kentucky, che costruisce i SUV Ford Escape e Lincoln Corsair, portando avanti una settimana di ferie programmata dalla fine dell’anno.

Fiat Chrysler ha dichiarato che ritarderà il riavvio della produzione nel suo stabilimento di Toluca, in Messico, dove costruirà la Jeep Compass, e lascerà inattivo lo stabilimento di Brampton, in Ontario, che costruisce le auto Chrysler 300, Dodge Charger e Dodge Challenger.

Lo stabilimento messicano avrebbe dovuto riavviare la produzione la prossima settimana, ma ora entrambi gli stabilimenti saranno chiusi fino alla fine del mese, ha detto FCA.

Toyota taglierà la produzione del suo pickup Tundra nello stabilimento di San Antonio, in Texas, ma il portavoce Scott Vazin non ha saputo immediatamente dire quante unità sarebbero andate perse. “Ridurremo la produzione”, ha detto, aggiungendo che nessun altro veicolo statunitense è stato colpito.

Ford ha rifiutato di identificare il fornitore di chip e la portavoce Kelli Felker ha detto che la società spera di riavviare l’impianto la settimana successiva. “Stiamo lavorando a stretto contatto con i fornitori per affrontare i potenziali vincoli di produzione legati alla carenza globale di semiconduttori”, ha affermato.

Nissan ha detto che prevede di ridurre la produzione della Note, un’auto elettrica ibrida, nello stabilimento di Oppama nella prefettura di Kanagawa, in Giappone, ma non ha fornito dettagli sull’entità del taglio della produzione.

Il quotidiano Nikkei ha riferito che Nissan avrebbe ridotto la sua produzione di Note a Oppama a circa 5.000 unità a gennaio, da 15.000 unità inizialmente previste.

Ti potrebbe interessare: FCA lancerà 3 nuovi SUV nel 2021

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share