Ferrari

Jean Todt risponde riguardo le indagini sul motore Ferrari

Ferrari

Negli ultimi momenti dei test pre-stagionali, la FIA ha rilasciato una dichiarazione relativa alle sue indagini sulla Power Unit che ha visto la Ferrari godere di un risveglio post-pausa estiva fino a quando le squadre rivali hanno iniziato a mettere in discussione la sua legalità. Piuttosto che chiarire la legalità (o meno) del motore, la dichiarazione della FIA, con la sua menzione dei “dettagli dell’accordo” che restano privati” tra la FIA e la Ferrari e che entrambe le parti avevano “raggiunto un accordo”, ha semplicemente offuscato l’affare e si è rivelato uno straccio rosso per le sette squadre non motorizzate dal team italiano.

In risposta alle sette squadre, la FIA ha rilasciato un’ulteriore dichiarazione che ha sostanzialmente ammesso che la questione era troppo complessa per indagare, difendendo il modo in cui aveva gestito la questione. Il World Motor Sport Council si è successivamente congratulato con la FIA e il suo presidente per come ha gestito le indagini. Chiedendo chiarezza da parte della FIA e della Formula Uno Management, i sette team hanno posto 21 domande relative al caso a cui volevano rispondere, stabilendo una scadenza che è avvenuta a mezzanotte di martedì.

Jean Todt: le domande sulla power unit Ferrari

Le domande includevano:

  • Perché la transazione è riservata?
  • Comprendiamo che la Ferrari ha violato i regolamenti tecnici – quali regolamenti e perché?
  • Perché questa violazione non è stata resa pubblica?
  • Quali sono le sanzioni imposte ai sensi dell’accordo?
  • Inoltre, poiché la FIA non ha sorvegliato questo incidente tecnico in modo trasparente, perché le squadre dovrebbero continuare a fidarsi della FIA per regolare correttamente lo sport dal 2021 in poi e continuare a stipulare un nuovo accordo Concorde con la FIA, che è attualmente in trattativa?

Parlando in anticipo rispetto alla scadenza, Helmut Marko, consulente della Red Bull, ha dichiarato a Speedweek: “Vogliamo sapere in dettaglio cosa è stato trovato alla Ferrari, perché è stato chiaramente espresso che sono state rilevate irregolarità. Solo quando abbiamo queste informazioni possiamo consigliare i passi successivi“, ha ammesso. “Le sette squadre sono dell’opinione che, nello spirito di questo sport, la FIA sia obbligata ad annunciare il contenuto dell’accordo con la Ferrari. Finora non abbiamo ricevuto una risposta. Le nostre accuse non sono dirette a un’altra squadra“, ha insistito, “ma al controllo tecnico della Formula 1 e al modo in cui le irregolarità vengono affrontate dalla FIA. Vorrei ricordare che la McLaren è stata squalificata nel 2007 dopo il caso di spionaggio e ha dovuto pagare una multa di $ 100 milioni. Nella nostra lettera, alla FIA è stato chiesto di rispondere di conseguenza e abbiamo dato una certa scadenza. Quindi possiamo andare avanti con la storia. Ma come squadra, non possiamo accettare che dopo che sia stata rilevata un’irregolarità, questo è ciò che accade“. Secondo il Daily Mail, Todt, che ha supervisionato l’epoca d’oro della Ferrari quando Michael Schumacher ha vinto cinque titoli successivi, ha risposto.

Tre opzioni erano disponibili“, ammette il presidente della FIA, “chiudendo il caso, portando la questione dinanzi al Tribunale internazionale o concludendo un accordo – e tali decisioni spettano al presidente della FIA, in conformità con le norme giudiziarie e disciplinari della FIA. Il presidente ha informato e consultato diversi altri funzionari chiave della FIA, nonché il CEO di Formula 1 con l’obiettivo di creare un consenso sul modo migliore di affrontare il caso. Lui (il presidente) ha sollecitato e ricevuto raccomandazioni dai team tecnici, legali e finanziari della FIA e ha anche ricevuto la consulenza di un avvocato esperto esterno“.

Chase Carey ha anche risposto e, sebbene i contenuti della sua lettera ai team non siano noti, si comprende che lui e i suoi colleghi FOM hanno svolto “nessuna parte” nelle indagini, nelle sue conclusioni o nella controversa soluzione. Todt, che conferma che la FIA non era “pienamente soddisfatta” l’anno scorso il motore Ferrari era legale “in ogni momento”, ammette anche che la FIA non può rendere pubblici i dettagli dell’insediamento senza il permesso della Ferrari.

Notizie Correlate
Ferrari

Ferrari GTC4Lusso: addio al sostituto della Ferrari FF

Ferrari

Ferrari nega che la GTC4Lusso stia uscendo di produzione

Ferrari

Ferrari esclude versioni ibride di Portofino e Roma

Ferrari

La versione più estrema della Ferrari 812 in dettaglio in nuove immagini