Il governo italiano salvi il posto in F1 di Giovinazzi

Angelo Sticchi Damiani ha esortato il governo italiano a salvare la carriera in Formula 1 di Antonio Giovinazzi
Giovinazzi
Giovinazzi

Di fronte alla perdita del suo posto, che lascerebbe l’Italia senza un pilota di F1, Angelo Sticchi Damiani ha esortato il governo italiano a salvare la carriera di Antonio Giovinazzi. Dopo tre stagioni come pilota Alfa Romeo sponsorizzato dalla Ferrari, Giovinazzi è sul punto di perdere il posto in F1.

Con un solo punto in classifica in questa stagione, le prestazioni dell’italiano non hanno esaltato, lasciando l’Alfa Romeo a discutere se partire nel 2022 con una formazione tutta nuova con Valtteri Bottas e un pilota esordiente, o mantenere Giovinazzi. Si dice che il team stia prendendo in considerazione la promozione del pilota Sauber junior Theo Pourchaire, o addirittura dare il posto al giovane Alpine Guanyu Zhou, che arriva con un pacchetto di sponsorizzazione di 30 milioni di euro.

Il capo del team Fred Vasseur ha recentemente ammesso che l’ingaggio del pilota Mercedes Bottas significa che ” non importa se il compagno di squadra è un debuttante o un ragazzo esperto, trarremo vantaggio dall’esperienza e dalla velocità di Valtteri”. Se l’Alfa Romeo dovesse seguire la strada del debuttante, significa che l’Italia sarà senza un pilota di Formula 1, cosa che il presidente dell’Automobile Club d’Italia Damiani trova inconcepibile.

Tanto che pitlanetv.com riferisce di aver approfittato del Gran Premio d’Italia per chiedere al governo italiano di aiutarlo a finanziare la permanenza di Giovinazzi. “È un grande pilota e non siamo ancora stati in grado di dargli l’opportunità di mostrare veramente il suo pieno potenziale”, ha detto Damiani al sito web. “Spero che il governo italiano tenga conto di tutti quei valori di Antonio Giovinazzi e metta a disposizione fondi, qualcosa di fondamentale che aiuterà quando si presenteranno le necessità.

“Stiamo parlando ovviamente della quantità necessaria per continuare in F1.“ Oggi non è come in passato in F1 dove i buoni piloti non avevano problemi a continuare a correre. “Quello che ne vale davvero la pena ovviamente va avanti, ma anche quello che ha più cifre sul suo conto in banca per contribuire alla squadra. “È nostro obbligo difendere Antonio Giovinazzi e dargli l’opportunità di continuare in F1 per mostrare il suo vero potenziale ed evolversi come merita”.

Anche se Giovinazzi è un junior Ferrari, la Scuderia lo ha inserito nel team Alfa Romeo, questa volta sembra improbabile che insistano per far confermare il 27enne. Il capo del team Ferrari Mattia Binotto ha chiarito che la decisione del pilota dell’Alfa Romeo è dell’Alfa Romeo. “Penso che sia davvero una scelta della squadra”, ha detto venerdì scorso. “La squadra è davvero indipendente nella scelta del proprio pilota”.

“È chiaro anche che Antonio per noi, è il nostro pilota di riserva, è un pilota italiano, fa parte della famiglia Ferrari, è un pilota Ferrari, quindi per noi sarà fantastico averlo ancora alla guida l’anno prossimo. “Crediamo che sia un buon pilota e in qualche modo merita di avere un posto il prossimo anno ma, come ho detto, non possiamo influenzare la decisione della squadra”.

Ti potrebbe interessare: Giovinazzi è stufo dell’incertezza: “Sempre la stessa storia a settembre per me”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share