GP Singapore 2019: anteprima Ferrari

Intervista al team Ferrari per i GP di Singapore
GP Singapore 2019: anteprima Ferrari
GP Singapore 2019: anteprima Ferrari

Il primo GP Singapore in realtà risale al 1961. Fu una gara di Formula Libre chiamata Orient Year Grand Prix, disputata su strade pubbliche nell’area di Thomson Road. Prima che Singapore ottenesse l’indipendenza nel 1965, organizzò anche il Gran Premio della Malesia. Nel 1973 la gara fu interrotta per motivi di sicurezza in pista, in particolare la curva del diavolo, e quindi lo stato della città non figurava più sulla mappa delle corse automobilistiche. È quindi tornato come parte del Campionato mondiale di Formula 1 nel 2008, questa volta sul circuito di Marina Bay Street di 5.063 chilometri.

La prima vittoria della Scuderia Ferrari a Singapore è arrivata nel 2010, quando Fernando Alonso ha dominato l’evento, assicurando il Grand Chelem di pole, vittoria e giro più veloce. Lo spagnolo ha trascorso l’intera gara a difendersi da Sebastian Vettel nella Red Bull, che non è riuscito a trovare una via d’uscita, finendo a meno di tre decimi di secondo dal vincitore. Il campione tedesco ha conquistato la nostra ultima vittoria qui, nel 2015, il suo primo anno con la Scuderia Ferrari. Proprio come Alonso aveva fatto cinque anni prima, Seb è partito dalla pole, controllando la gara dall’inizio alla fine, tenendo anche una Red Bull, questa volta guidato da Daniel Ricciardo, l’australiano che ha privato il tedesco del grande slam ottenendo il giro più veloce in gara. Per Seb e il team è stata la terza vittoria dell’anno.

GP Singapore: intervista a Binotto, Vettel e Leclerc

Charles Leclerc: “Singapore è forse la pista più difficile per noi piloti fisicamente, solo per il caldo e l’umidità. È sempre un posto speciale dove andare, perché è una gara notturna. Mi piace molto guidare di notte e in qualche modo, mi sento un molto più veloce di quanto non faccia durante il giorno. È solo un fine settimana unico e non vedo davvero l’ora di essere lì. Dopo due weekend positivi in ​​Belgio e in Italia, la gara di Singapore non è altrettanto bella sulla carta per noi, a causa del layout del circuito molto diverso, con molte curve lente e meno rettilinei. Potrebbe essere un weekend più difficile per noi, ma daremo il massimo per avere un buon risultato“.

Sebastian Vettel: “Dopo Spa-Francorchamps e Monza, stiamo andando su un circuito molto diverso: Singapore, che è uno che mi piace molto. È un circuito stradale, accidentato e senza spazio per errori ed è una delle poche gare disputate sotto i riflettori. Rimaniamo in orario europeo, il che è un po’ strano perché lasciamo il circuito quando i locali si alzano con una differenza di sei ore. Abbiamo bisogno di carico aerodinamico massimo e abbiamo le tre mescole di pneumatici più morbide. Abbiamo già visto che in questa gara può succedere di tutto, quindi il risultato finale è difficile da prevedere. Fuori dalla pista, ci sarà anche molta pressione sulle squadre in quanto questa gara è di ritorno con la Russia“.

Team Principal Mattia Binotto: “Arrivare da 2 vittorie consecutive è un buon feeling per la squadra e per i nostri tifosi, ma in realtà queste vittorie sono già alle nostre spalle e sappiamo bene che Singapore presenterà nuove sfide e un layout in cui il nostro l’auto non è forte come su altri circuiti. Stiamo portando alcune nuove parti lì come parte del nostro sforzo per colmare il divario rispetto alla concorrenza, in una pista che presenta curve prevalentemente a bassa velocità. Questa gara vede anche il ritorno della mescola di pneumatici Hypersoft, che non è stata utilizzata da allora il GP del Canada”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share