GP Belgio 2021: le interviste della domenica in Ferrari

Sainz e Leclerc spiegano il loro fine settimana in Belgio
GP Belgio 2021: le interviste della domenica in Ferrari
GP Belgio 2021: le interviste della domenica in Ferrari

Il GP Belgio 2021 è durato solo tre giri. La pioggia, che già ieri si era fatta sentire, ha annullato l’effettivo svolgimento della gara. Dopo un ritardo di 25 minuti rispetto all’orario di partenza originale, le vetture hanno percorso un paio di giri dietro la Safety Car. Poi la procedura di partenza è stata interrotta con bandiera rossa a causa delle condizioni della pista e della pessima visibilità, il che ha fatto sì che tutte le vetture tornassero ai box. Alle 18.17, dopo una lunga attesa, il Direttore di Gara ha deciso di riprendere la procedura di partenza, sempre dietro la Safety Car ma dopo appena tre giri, le condizioni sono state nuovamente ritenute troppo pericolose per correre, le vetture sono rientrate nuovamente in pit lane e il Il Gran Premio è stato successivamente dichiarato interrotto.

Poiché la gara si è svolta per più di due giri ma meno del 75% della distanza ufficiale di gara, ai primi dieci classificati vengono assegnati metà dei punti. Poiché Charles Leclerc e Carlos Sainz partivano rispettivamente dall’ottavo e decimo posto in griglia, la Scuderia Ferrari lascia il Belgio con due punti e mezzo.

Durante la lunga attesa, Charles Leclerc e Carlos Sainz sono usciti dal box per salutare gli spettatori rimasti a bordo pista nonostante la pioggia incessante. È un peccato per gli spettatori in pista e per quelli da casa, che fosse impossibile dare spettacolo in uno dei circuiti più belli del calendario, ma la sicurezza dei piloti e di tutte le parti coinvolte deve sempre essere il priorità numero uno.

GP Belgio: intervista a Leclerc e Sainz

Charles Leclerc: “È uno strano modo di chiudere il weekend, non avendo avuto una vera gara. Soprattutto, è un peccato per tutti i fan che sono venuti a vederci correre. Ringrazio tutti coloro che sono rimasti in tribuna sperando che le condizioni migliorino. Sicuramente non è stato facile e ho un enorme rispetto per ogni singola persona che è rimasta qui con noi“.

Le condizioni della pista non erano così male in termini di acqua stagnante, ma in termini di visibilità, è stato un disastro. Non riuscivo a vedere nulla davanti a me ed è stata una buona scelta per assicurarci che fossimo tutti al sicuro data la gravità della pioggia di oggi”.

“La nostra prossima gara è in Olanda tra pochi giorni. Una bella sfida, visto che tutti dovremo adeguarci e cercare di trovare il miglior assetto possibile per questo nuovo tracciato nel minor tempo possibile. Penso che uno dei nostri punti deboli generali sia il bagnato, quindi lavoreremo per migliorarlo nelle prossime settimane”.

Carlos Sainz: “Ovviamente, è un vero peccato che non siamo stati in grado di mettere su un po’ di spettacolo per i fan coraggiosi che hanno sfidato il tempo terribile per venire a guardare e per le persone a casa. Sfortunatamente, non c’era niente che potessimo fare, perché la visibilità era troppo scarsa per noi per correre. Per me è anche un peccato perché avremmo potuto provare a recuperare alcune posizioni dalla mia posizione in griglia, ma la sicurezza deve essere sempre la priorità. Adesso è il momento di voltare pagina e fortunatamente venerdì torneremo in pista già a Zandvoort. In attesa della mia prima gara lì in Formula 1“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share