“Ferrari inizia a capire la SF90” dice Binotto

Mattia Binotto spiega che stanno capendo la SF90

Il caposquadra del team Ferrari Mattia Binotto afferma che la sua squadra sta finalmente cominciando a comprendere il suo complesso prototipo da Formula 1. Pur vantando una delle auto più veloci in rettilineo durante tutto l’anno, la Ferrari ha lottato per le prestazioni sui circuiti a bassa velocità e non è riuscita a estrarre il massimo potenziale dal suo pacchetto in una serie di gare.

La Scuderia ha approfittato dei circuiti veloci di Spa e Monza per porre fine alla siccità di vittorie nel 2019 mentre Charles Leclerc ha registrato 2 vittorie consecutive. La Ferrari si aspetta un po’ di competitività al Gran Premio di Singapore di questo fine settimana, data la natura stretta e tortuosa del circuito di Marina Bay Street.

Ferrari: intervista a Mattia Binotto

Sapevamo che queste piste, potremmo essere state competitive, ma non era un dato di fatto“, ha detto Binotto. “Ma in secondo luogo essere più sensibili al potere e avere più rettilinei è stato importante per noi. Importante per noi non perdere altre opportunità come abbiamo perso nella prima metà [della stagione]. Penso che il fatto di aver capitalizzato i punti di forza della nostra auto ci renda molto felici. Ma per le prossime gare, penso che possa essere la prima parte della stagione. Ci sono state gare, ci sono state Germania, Canada, Bahrein dove forse potevamo essere ancora competitivi, e altre in cui i punti deboli della nostra macchina non ci daranno la possibilità di vincere. Ma difficile indovinare quali. Penso che sia importante per noi continuare a sviluppare l’auto, perché la stiamo capendo e offriamo ai nostri piloti le migliori opportunità ogni volta che possono“.

La Ferrari ha introdotto un motore potenziato a Monza, ma Binotto insistette sul fatto che le forti prestazioni del team sul terreno di casa non dipendessero esclusivamente dalla forza del suo motore. “Abbiamo ottenuto la nuova unità che ci ha dato velocità e forza sul rettilineo, ma abbiamo anche migliorato nel reparto aerodinamico, con il pacchetto a basso carico aerodinamico che abbiamo messo sia in Belgio che in Italia si è dimostrato buono per l’alta velocità” ha spiegato. “Certamente la velocità che hai visto sul rettilineo non dipende solo dal motore, ma dal pacchetto aerodinamico che abbiamo sviluppato. Stiamo sicuramente lavorando a Maranello cercando di aggiungere un po ‘di carico aerodinamico. Forse, verranno aggiunti alcuni bit, ma torneremo indietro e capiremo i piani”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share