La Ferrari 430 16M Scuderia costerà più di una 812 Superfast

Questa Ferrari costa più di una 812 Superfast
La Ferrari 430 16M Scuderia costerà più di una 812 Superfast
La Ferrari 430 16M Scuderia costerà più di una 812 Superfast

Un’incontaminata Ferrari 430 16M Scuderia Spider del 2009 è alla ricerca di una nuova casa, ma se lo desideri, dovrai sborsare più di quanto faresti per una nuovissima Ferrari 812 Superfast.

La casa automobilistica italiana ha introdotto la 16M Spider per celebrare il suo 16° campionato di Formula 1 costruttori. La produzione è stata limitata a sole 499 unità in tutto il mondo, rendendola rara come una LaFerrari, e ha rapidamente raccolto un seguito di culto in tutto il settore ed è sempre stato destinato a essere un oggetto da collezione.

Ferrari 430 16M Scuderia all’asta

Questa particolare 16M Scuderia Spider è venduta da Fusion Luxury Motors a Los Angeles e ha un prezzo richiesto di 408.888 dollari. Considerando quanto sia rara questa vettura, pensiamo che qualcuno la farà salire di prezzo molto rapidamente, anche se costa circa 70.000 dollari in più rispetto a una 812 Superfast di base ordinata direttamente dalla fabbrica.

Dei 499 esemplari costruiti, circa 120 risiedono negli Stati Uniti. Come la 430 Scuderia Coupé, la 16M Spider è più leggera del modello standard grazie all’uso più liberale della fibra di carbonio in tutta la sua costruzione. L’auto dispone anche di dischi e pinze dei freni aggiornati e ha un telaio irrigidito per migliorare la maneggevolezza e le prestazioni a tutto tondo.

Il motore della vettura è un ruggente motore V8 aspirato da 4,3 litri che gira a 8.500 giri/min e sviluppa 503 CV e 470 Nm di coppia, valori praticamente identici alla nuova Porsche 911 GT3 e probabilmente tutta la potenza. e la coppia di cui potresti aver bisogno da un’auto da strada.

Progettata da Pininfarina in collaborazione con Frank Stephenson, Direttore del Concept Design e Sviluppo Ferrari-Maserati, lo stile della carrozzeria della F430 è stato rivisto rispetto al suo predecessore per migliorarne l’efficienza aerodinamica. Sebbene il coefficiente di resistenza aerodinamica sia rimasto lo stesso, il carico aerodinamico è stato notevolmente migliorato.

Nonostante condividesse lo stesso telaio di base in alluminio Alcoa, la linea del tetto, le porte e il vetro, l’auto sembrava significativamente diversa dalla 360. Gran parte del patrimonio Ferrari era incluso nel design esterno. Nella parte posteriore, sono state aggiunte le luci posteriori dell’Enzo e le prese d’aria del cofano motore.

Il nome dell’auto era inciso sullo specchietto laterale del guidatore in stile Testarossa. Le grandi aperture ovali nel paraurti anteriore ricordano i modelli da corsa Ferrari degli anni ’60, in particolare le 156 vetture di Formula Uno “sharknose” e le 250 TR61 Le Mans di Phil Hill.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share