Charles Leclerc: le monoposto 2022 saranno molto diverse

Charles Leclerc: le monoposto 2022 saranno molto diverse
Charles Leclerc: le monoposto 2022 saranno molto diverse

Avendo guidato una versione virtuale della monoposto 2022 proposta dalla Ferrari, Charles Leclerc ammette che si guida in modo molto diverso rispetto alla SF21. Il monegasco è il primo pilota a sperimentare la grande speranza per il futuro della F1 – anche se in versione simulata – mentre lo sport si prepara al più grande cambiamento del regolamento tecnico a memoria d’uomo, volta a livellare tutte le scuderie e ravvivare le corse.

Sembra molto diversa“, ha detto Leclerc ai giornalisti al Red Bull Ring all’inizio del weekend del Gran Premio d’Austria. “È un punto interrogativo per tutti se stiamo sviluppando nella giusta direzione oppure no”.

L’intervista a Charles Leclerc sulle nuove monoposto

È un progetto così diverso“, ha continuato, “è molto, molto presto, quindi nessuno sa dove ci stiamo posizionando rispetto agli altri. Ma ci stiamo lavorando“. Alla domanda su quale input stiano avendo lui e il suo compagno di squadra, Carlos Sainz, ha risposto: “È difficile, perché per ora sono solo numeri e pronostici, ma possiamo sicuramente dare il nostro feedback, soprattutto al simulatore. Siamo fortunati ad avere un ottimo simulatore in Ferrari“, ha continuato, “e possiamo provare cose diverse in quel simulatore e lì, l’input del pilota è molto, molto importante. Sulle altre cose per ora, è molto presto per noi dire davvero qualcosa“.

L’unica cosa che possiamo fare è cercare di lavorare nel miglior modo possibile con Carlos per cercare di spiegare quali sono i punti deboli della vettura di quest’anno, cercare di capire perché abbiamo quei punti deboli e cercare di non riprodurre quegli errori per la vettura del prossimo anno , anche se il progetto è completamente diverso”.

Quindi direi che sul simulatore, abbiamo un buon input e possiamo aiutare molto, e anche con il feedback di quest’anno per cercare di aiutare il team a lavorare nella giusta direzione e per loro sapendo esattamente cosa bisogna fare“.

Dopo l’incubo del Paul Ricard, il risultato dello scorso fine settimana è stato abbastanza inaspettato dal team italiano che ammette di avere un problema a lungo termine con l’usura della gomma anteriore. “C’è stato molto lavoro tra Paul Ricard e l’Austria“, ha detto Leclerc. “Certo non credo che ci saremmo aspettati un passo del genere, ma è anche frutto del lavoro della squadra.Ma non dovremmo farci prendere la mano“, ha ammesso. “Per quanto sia stata una sorpresa, in senso negativo, al Paul Ricard, è stata una sorpresa molto, molto bella anche questa domenica. Ma dobbiamo capire esattamente come siamo riusciti a ottenere quel risultato domenica“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share