News

Alfa Romeo: nuova doppietta in Germania

Doppia vittoria per Alfa Romeo ai “Motor Klassik Awards 2019”. I lettori di questa importante rivista tedesca hanno eletto l’attuale Alfa Romeo Giulia “Classica del futuro”, nella “Classe media”, per la quarta volta di seguito. Inoltre, Alfa Romeo Tipo 33 Stradale ha vinto nella categoria “Pietre miliari del design”. Per gli appassionati, la coupé prodotta nel 1968 in appena 18 esemplari è diventata da tempo una delle vetture sportive più belle di sempre.

Per la quarta volta consecutiva la Giulia è nominata “Classica del futuro” nella categoria “classe media”

I “Motor Klassik Awards 2019” hanno visto la partecipazione di oltre 16.000 lettori. Giulia è stata eletta “Classica del futuro” nella “Classe media” con il 33,4% dei voti mentre Alfa Romeo 33 Stradale si è aggiudicata il titolo di “Pietra miliare del design” con addirittura il 37,3% dei voti. Roberto Giolito, responsabile di FCA Heritage, ha ritirato il premio “Motor Klassik Award” ha commentato: «La storia del Biscione è ricca di icone di design. Se dovessimo sceglierne una, sarebbe la Tipo 33. Sono orgoglioso di ritirare il riconoscimento di “pietra miliare del design” dei lettori di Motor Klassik».

Alfa Romeo 33 Stradale del 1968 ha ottenuto il primo posto nella categoria “Pietre miliari del design”

L’estetica di Alfa Romeo 33 Stradale è un capolavoro ideato dal leggendario designer Franco Scaglione. Questa coupé alta appena 99 cm con porte ad apertura verticale era stata pensata per la strada (da cui il nome “Stradale”), ma tecnicamente era basata sull’omonima vettura da corsa. Il motore era a V da 8 cilindri in posizione centrale con due litri di cilindrata, in grado di erogare una potenza di ben 230 CV e di raggiungere una velocità massima di 260 km/h, impressionante per l’epoca.

 

Notizie Correlate
News

Alfa Romeo GTV e 8C cancellate?

News

Alfa Romeo B-Suv: ecco cosa sappiamo

News

Alfa Romeo: ecco cosa avverrà da qui al 2022

News

Alfa Romeo lancia la nuova offensiva con le rinnovate Giulia e Stelvio, ecco le novità