Opel in Spagna fa importante annuncio

La direzione dello stabilimento Opel Spagna a Figueruelas ha annunciato lunedì che riprenderà la sua attività produttiva questo martedì
Opel
Opel

La direzione dello stabilimento Opel Spagna a Figueruelas, del gruppo Stellantis, ha annunciato lunedì che riprenderà la sua attività produttiva questo martedì nel turno che inizia alle 6 del mattino, dopo che lo stabilimento è rimasto fermo da giovedì scorso a causa dei problemi nella fornitura di semiconduttori per i loro veicoli.

La direzione dello stabilimento Opel Spagna a Figueruelas ha annunciato lunedì che riprenderà la sua attività produttiva questo martedì

Fonti aziendali hanno confermato che la produzione è ora ripresa “fino a nuovo avviso”, senza specificare se l’arrivo di microchip dai paesi asiatici che includono le auto in fase di montaggio durerà per molti o pochi giorni. Il management ha riconosciuto ai sindacati che questa crisi, causata dal disallineamento tra domanda e offerta di queste componenti nel mondo dopo lo scoppio della pandemia di coronavirus, proseguirà per alcuni mesi.

I rappresentanti dello stabilimento Opel di Saragozza e del consiglio di fabbrica si incontreranno questo martedì, appunto, per discutere la negoziazione del nuovo fascicolo di regolamento del lavoro temporaneo (ERTE) in fabbrica, che interesserà lo staff di produzione, composto da circa 5.000 persone.

Questa sarà la seconda ERTE che verrà applicata da Opel a Figueruelas per far fronte al calo forzato della produzione causato dalla crisi dell’approvvigionamento di ricambi. La prima, che interessa il turno centrale -circa 650 lavoratori-, prevede un massimo di 40 giornate lavorative in un arco di tempo compreso tra il 1 maggio e il 31 dicembre e specifica inoltre che i dipendenti nati nel 1959, 1960 e 1961 hanno la possibilità di scegliere tra l’applicazione del file o del sistema di flessibilità interna. Come concordato con i sindacati, nei giorni di sospensione dei contratti viene stipulato un supplemento dell’80% della retribuzione lorda.

Fonti dell’Unione hanno indicato di prevedere che il nuovo ERTE, che interesserà il personale di produzione dello stabilimento di Opel, includerà le stesse o simili condizioni concordate nell’altro. Allo stesso modo, hanno sottolineato la possibilità che coloro che hanno compiuto 61 anni nel 2020 e fanno ancora parte dello staff possano anticipare la partenza.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share