La tripletta di Ferrari “sicuramente non è una rivoluzione” per la F1 secondo Brawn

Ross Brawn afferma che la rinascita della Ferrari nelle ultime settimane non rappresenta una rivoluzione in F1
Ferrari
Ferrari

Ross Brawn, il direttore tecnico della Formula 1, afferma che la rinascita della Ferrari nelle ultime settimane non segna una rivoluzione tra i concorrenti di punta dello sport, poiché la Mercedes rimane la squadra da battere. Dopo non essere riuscita a vincere nella prima parte della stagione 2019, anche se si è avvicinata in diverse occasioni, la Ferrari ha iniziato a correre dopo la pausa estiva della F1, ottenendo tre vittorie consecutive a Spa, Monza e Singapore.

L’inaspettato trionfo della Scuderia a Marina Bay – un luogo che sulla carta appariva inadatto per l’SF90 a bassa resistenza dell’outfit italiano – ha sottolineato le qualità ormai a tutto tondo della sua auto e ha portato Lewis Hamilton a dire che la Casa di Maranello è ora in vantaggio sulla Mercedes. Mentre Brawn ha accolto con favore il successo della Scuderia, l’ex ingegnere Ferrari non crede che il suo ex team abbia preso le redini della F1.

“Per i due terzi della stagione è stata l’opinione quasi unanime che in termini semplici tra le prime tre squadre, la Ferrari fosse forte su piste in cui il motore faceva la differenza, mentre la Red Bull aveva maggiori possibilità su piste in cui l’aerodinamica è più importante, mentre la Mercedes aveva il pacchetto più completo ed era in grado di gestire meglio le gomme “, ha commentato Brawn nella sua recensione post gara del Gran Premio di Singapore.

“Tuttavia, dopo la gara di Singapore, ci ritroviamo a commentare una doppietta per la Ferrari e un podio senza pilota Mercedes. “Abbiamo assistito a una rivoluzione nello spazio di due settimane? “Sicuramente no, poiché le frecce d’argento sono ancora le più forti in ogni gara e i loro rivali devono fare tutto perfettamente se vogliono batterle.” Il vantaggio di Mercedes e Hamilton nei rispettivi campionati garantisce secondo molti la loro vittoria alla fine della stagione.

Eppure Brawn insiste sul fatto che le squadre in prima fila non si lasceranno andare durante l’ultimo tratto della stagione. “Senza grandi cambiamenti alle regole il prossimo anno, continuando con lo sviluppo delle auto anche quando la lotta per il campionato è più o meno decisa, ha ancora più senso e può aggiungere valore per il 2020”, ha dichiarato il capo della F1.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share