Jeep e Ram fanno risorgere Fiat Chrysler

Le vendite statunitensi di pick-up ad alto margine Ram e di SUV Jeep hanno riportato Fiat Chrysler a fare utili nel terzo trimestre
Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Le vendite statunitensi di pick-up ad alto margine Ram e di SUV Jeep hanno riportato Fiat Chrysler a fare utili nel terzo trimestre dopo le chiusure dovute alla pandemia. FCA ha dichiarato di avere una liquidità disponibile di 27,1 miliardi di euro (32 miliardi di dollari) a settembre ed era sulla buona strada per lanciare tre nuovi modelli nella sua redditizia gamma Jeep nel 2021. Durante una teleconferenza con gli analisti, l’amministratore delegato Mike Manley ha affermato che tutti gli stabilimenti della casa automobilistica stanno ora operando vicino ai livelli di produzione pre-pandemia.

Le vendite di Jeep e Ram in USA risollevano Fiat Chrysler

La società italo americana ha avuto un flusso di cassa libero industriale di 6,7 miliardi di euro durante il trimestre, che Manley ha descritto come una “bella inversione di tendenza” al cash burn nella prima metà dell’anno a causa della pandemia. FCA e il produttore di Peugeot PSA Group mirano a fondersi entro la fine del primo trimestre del 2021 e l’approvazione dell’UE per tale collegamento potrebbe arrivare entro la fine di quest’anno. Mercoledì PSA ha riportato un ritorno alla crescita dei ricavi nel terzo trimestre per la sua divisione auto.

I risultati lasciano entrambe le case automobilistiche in una posizione di forza mentre si dirigono verso la loro fusione pianificata, dove i profitti dei camioncini e delle Jeep che consumano gas in America dovrebbero aiutare Stellantis – come verrà chiamata l’entità risultante dalla fusione – a finanziare lo sviluppo di veicoli a emissioni zero in Europa e Cina.

 Ma una recrudescenza della pandemia di Covid-19 sta offuscando le prospettive del settore per i prossimi mesi. La Francia si sta preparando a un possibile blocco di un mese rinnovato e questa settimana in tutta Italia sono scoppiate proteste contro un nuovo ciclo di restrizioni governative. Mercoledì Fiat Chrysler ha registrato utili rettificati prima di interessi e tasse (EBIT) di 2,28 miliardi di euro (2,7 miliardi di dollari) per il trimestre luglio-settembre, superando gli 1,152 miliardi previsti dagli analisti intervistati da Reuters.

L’utile operativo è cresciuto del 26% raggiungendo un record di 2.544 miliardi di euro in Nord America, con un margine record del 13,8% rispetto al 10,6% dell’anno precedente. L’EBIT adjusted è stato leggermente positivo in America Latina, mentre la casa automobilistica ha registrato una perdita operativa nelle regioni EMEA e APAC e nella sua unità Maserati.

Le azioni di FCA quotate a Milano hanno ridotto le perdite dopo la pubblicazione dei risultati. Alle 12:30 GMT erano in calo del 2,5%, contro un calo del 3% per l’indice blue chip italiano. Fiat Chrysler prevede un EBIT rettificato di 3-3,5 miliardi di euro per il 2020, ma ha aggiunto che la sua nuova guida non presupponeva ulteriori interruzioni significative dal Covid-19.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler apre gli ordini per la nuova Chrysler Pacifica

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share