Il CEO di Stellantis afferma che i marchi in difficoltà avranno 10 anni per riprendersi

Stellantis: il CEO Carlos Tavares darà 10 anni di tempo a tutti i suoi marchi in difficoltà per riprendersi
Carlos Tavares
Carlos Tavares

Con la fusione di Fiat Chrysler Automobiles e del gruppo PSA all’inizio di quest’anno, Stellantis è diventata la quarta casa automobilistica più grande al mondo per volume dall’oggi al domani. Con la scuderia della società contenente quattordici marchi automobilistici, è giusto dire che la maggior parte si aspettava che la nuova gestione ridimensionasse il numero di brand, potenzialmente eliminando le marche più per concentrarsi sulle loro stelle chiave. Non è così, afferma Carlos Tavares, CEO di Stellantis, che questa settimana ha affermato che ogni singolo marchio sotto la bandiera di Stellantis avrà un decennio solido per riprendersi e dimostrare il proprio valore dopo la fusione.

Parlando all’evento Future of the Car del Financial Times, Tavares ha esposto le sue aspettative. “Stiamo dando a ogni marchio una possibilità, dando a ciascuno una finestra temporale di 10 anni e fornendo finanziamenti per 10 anni per realizzare una strategia di base del modello. Gli amministratori delegati devono essere chiari in merito alla promessa del marchio, ai clienti, agli obiettivi e alle comunicazioni del marchio “, ha affermato.

“Se ci riescono, fantastico “. Non è la prima volta che Tavares ha indicato il suo sostegno per la continuazione dei vari marchi sotto la nuova bandiera dell’azienda. Tuttavia, è la prima volta che vengono presentate una tempistica e una strategia chiare da quando la fusione è stata completata a gennaio.

Dieci anni sono sia un lungo che un breve periodo di tempo, suggerendo che la decisione di mantenere l’elenco completo non è stata presa alla leggera. Con la lunghezza dei cicli di sviluppo dei prodotti automobilistici, tuttavia, è difficile immaginare che i marchi in difficoltà girino molto più velocemente.

Avere un decennio in mano darà a nomi come Chrysler il tempo di prendere sul serio un’immagine di marca coerente e il passaggio ai veicoli elettrici, e ad aziende come l’Alfa Romeo la possibilità di trovare il loro posto nel mercato e assicurarsi un punto d’appoggio con nuovi modelli. Detto questo, ci sono casi molto difficili.

È difficile vedere un marchio come Vauxhall, ad esempio, fare molto per differenziarsi su qualsiasi scala temporale. La proposta di mantenere vivo il nome Vauxhall sembra essere fragile quando Citroen, Peugeot, Opel e persino Fiat esistono nello stesso segmento di mercato. Ulteriori dettagli per il momento non sono stati dati ma si aspetta una maggiore chiarezza sui piani futuri che ci saranno nelle presentazioni agli azionisti il prossimo anno.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share