Mercato

Fiat Chrysler ha passato ai rivenditori 40 mila auto non richieste

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles ha prodotto più automobili e camion di quanto i suoi rivenditori statunitensi siano disposti ad accettare, creando ad un certo punto uno stock nazionale di circa 40.000 veicoli non ordinati e alimentando la tensione con alcuni dei suoi rivenditori. Quattro concessionari, due dei quali hanno parlato a condizione che non venissero nominati, hanno affermato che Fiat Chrysler ha riportato in auge quello che è noto nei circoli del settore come una “banca di vendita“. La pratica è vecchia di decenni e disapprovata da investitori e analisti perché può oscurare una casa automobilistica. Ai rivenditori non piace perché può aumentare la pressione che le aziende esercitano su di loro per ricevere la consegna dei veicoli che non vogliono. Chrysler ha implementato le banche di vendita nel periodo precedente alle due volte in cui ha avuto bisogno di soccorsi dal governo degli Stati Uniti, nel 1980 e nel 2009.

La strategia di Fiat Chrysler per vendere più auto

La società ha appena registrato un profitto trimestrale record, ma contemporaneamente la crescente offerta di veicoli non richiesti ha coinciso con un periodo in cui la società stava perseguendo le fusioni. Dopo che gli sforzi per unirsi alla Renault sono falliti, il mese scorso ha annunciato la collaborazione con il proprietario del gruppo PSA. Fiat Chrysler nega di aver riavviato una banca di vendita. L’azienda afferma di aver messo in atto un sistema di analisi predittiva all’inizio di quest’anno che mira a allineare meglio la catena di approvvigionamento e i piani di produzione con gli ordini dei rivenditori previsti.

Stiamo producendo veicoli pre-specificati rispetto alla domanda prevista, quindi i veicoli giusti sono disponibili quando i rivenditori ne hanno bisogno“, ha dichiarato Niel Golightly, Chief Communications Officer di Fiat Chrysler. La modellistica si è dimostrata accurata, ha affermato, poiché Fiat Chrysler ha chiuso i suoi conti con appena 1.000 veicoli che sono stati ordinati ma non sono stati venduti dai concessionari. I veicoli FCA trascorrono molto tempo nell’inventario dei rivenditori prima di essere venduti. Alla fine del terzo trimestre, il numero di auto non ordinate è sceso a circa 5.000 veicoli. Mentre ciò equivale a un errore di arrotondamento per un’azienda che vende più di mezzo milione di veicoli negli Stati Uniti, il processo ha comunque lasciato alcuni rivenditori arrabbiati dalle tattiche di pressione che secondo loro possono portare a comportamenti scorretti. La Fiat Chrysler ha recentemente accettato di pagare una sanzione di 40 milioni di dollari relativa agli anni di archiviazione delle relazioni sulle vendite che la Commissione per i titoli e gli scambi degli Stati Uniti ha dichiarato fraudolenti. Un modo in cui la compagnia ha gonfiato le cifre, ha detto la SEC a settembre, è stato pagando i rivenditori per denunciare vendite false.

Notizie Correlate
Mercato

Stellantis può scegliere tra tre piattaforme EV

Mercato

Dodge lancia il nuovo Challenger R / T Scat Pack Shaker e T / A 392 Widebody Package

Mercato

Fiat Chrysler apre gli ordini per la nuova Chrysler Pacifica

Mercato

Ram introduce il nuovo allestimento Limited Night Edition