GP Italia: anticipazioni Ferrari per Monza
GP Italia: anticipazioni Ferrari per Monza

Prima dell’inizio del weekend di Monza, Sebastian Vettel e Charles Leclerc, insieme al Team Principal, Mattia Binotto sarà in Piazza Duomo a Milano mercoledì pomeriggio dalle 17:00, per un evento aperto al pubblico, organizzato dall’Automobile Club d’Italia (ACI) per celebrare la novantesima edizione del Gran Premio d’Italia e i 90 anni della Scuderia Ferrari. C’è un ricco programma con i piloti Ferrari presenti e passati, così come i giovani della Ferrari Driver Academy che rappresentano il suo futuro, sul palco della piazza. Ci sarà anche una mostra di auto della Scuderia Ferrari vecchie e nuove, nonché una selezione di auto stradali costruite dal marchio Maranello.

La storia del circuito di Monza

Sin dalla scomparsa del vecchio Hockenheim, Monza rimane l’unica pista di Formula 1 ad altissima velocità, sebbene Spa-Francorchamps abbia il suo posto unico. In origine, i lunghi rettilinei non presentavano nessuna delle chicane che compongono il suo layout attuale e la pista è stata testimone di alcune delle corse più incredibili di sempre, con dozzine di sorpassi su ogni giro, grazie alla capacità di far scivolare le auto. Il traguardo più memorabile è arrivato nel 1971, quando Peter Gethin ha vinto per BRM, superando il traguardo solo un centesimo di secondo davanti a Ronnie Peterson a marzo. In effetti, tutti e cinque i primi cinque sono stati coperti da soli sei decimi. Una pista così ad alta velocità è stata inevitabilmente la scena della tragedia, in particolare la morte di Alberto Ascari, Wolfgang Von Trips, Jochen Rindt e il già citato Ronnie Peterson.

La prima vittoria della Scuderia Ferrari a Monza risale alla pre-Formula 1 in cui il team italiano ha corso per l’Alfa-Romeo. Nel 1933, Luigi Fagioli vinse e una volta istituito il campionato del mondo, la squadra di Maranello vinse nel 1951 con Alberto Ascari, seguito dal compagno di squadra José Froilàn Gonzalez. L’italiano vinse di nuovo l’anno successivo, ma fu quello fino al 1960 quando ci fu una vittoria facile quando le squadre britanniche boicottarono la gara per protestare contro l’uso dell’ovale ad alta velocità, costruito nel 1955, che era considerato troppo pericoloso. La Ferrari ha conquistato il podio con Phil Hill, Richie Ginther e Willy Mairesse. L’anno seguente vide una griglia completa ma si concluse con una tragedia. Von Trips si è scontrato con Lotus di Jim Clark e ha perso la vita insieme a 14 spettatori. Phil Hill vinse, diventando il primo americano a vincere il titolo mondiale.

Nel 1964, fu la volta di John Surtees a conquistare la vittoria della Ferrari, che dominò la gara dopo aver affrontato una sfida iniziale di Dan Gurney. La vittoria spinse l’inglese nella lotta per il titolo, che vinse in uno stile incredibile più tardi in Messico. Due anni dopo c’è stata una vittoria altrettanto importante per Ludovico Scarfiotti, con Mike Parkes che lo ha reso uno-due al volante della 312, che era un punto culminante in una stagione altrimenti poco brillante.

Dopo tre anni vuoti, la Scuderia Ferrari è tornata nel carro dei vincitori nel 1970 grazie a Clay Regazzoni che è riuscito a ottenere la meglio da Jackie Stewart nell’ultimo giro. Cinque anni dopo, lo svizzero ha fatto di nuovo il suo meglio in quella che è stata una grande giornata per l’intera squadra: Niki Lauda è arrivato terzo, il che è stato abbastanza per riportare finalmente il titolo dei piloti a Maranello, undici anni dopo Surtees. Lo stesso schema si è ripetuto quattro anni dopo, quando ha appena battuto il compagno di squadra Gilles Villeneuve sulla linea, Jody Scheckter aveva fatto abbastanza per assicurare la corona dei piloti prima della fine della stagione.

Sono trascorsi 40 anni dalla vittoria di Scheckter e segnò l’inizio di un lungo periodo sterile per la Scuderia Ferrari a Monza. L’evento del 1988 è iniziato come un affare cupo per il team in quanto è stata la prima gara dalla morte di Enzo Ferrari nell’agosto di quell’anno. In qualifica, la McLarens di Alain Prost e Ayrton Senna, che tra loro avevano vinto tutti i round precedenti quell’anno, hanno chiuso in prima fila. Il francese si è ritirato dalla gara per un problema meccanico, mentre l’asso brasiliano sembrava dirigersi verso una vittoria facile. Tuttavia, a tre giri dalla fine, Senna è arrivato dietro la Williams di Jean-Louis Schlesser, un giro in meno. Il francese sembrava spostarsi verso il leader della corsa, ma si scontrarono e Senna dovette ritirarsi. Ciò ha lasciato la strada libera per una Ferrari a due, con Gerhard Berger che ha vinto davanti a Michele Alboreto. Alcuni giorni dopo, alcuni giornalisti hanno scritto che Enzo Ferrari aveva guardato dall’alto in basso e aveva orchestrato la mossa di Schlesser!

Ci sarebbero voluti altri otto anni prima che un pilota Ferrari tornasse sul gradino più alto del podio a Monza. La vittoria arrivò nel 1996 per gentile concessione del grande Michael Schumacher, che lo fece di nuovo su questa pista nel 1998 con una brillante mossa di passaggio su Mika Hakkinen alla Roggia chicane. Nel 2000, Michael ha eguagliato il numero record di vittorie di Senna e non è stato in grado di trattenere le lacrime durante la conferenza stampa post-gara. Ci furono altre due vittorie nel 2002, quando Rubens Barrichello dovette passare da dietro la griglia dopo aver scelto le gomme sbagliate e poi un’altra vittoria per Schumacher nel 2004, il tedesco dovette riprendersi da un giro al Roggia.

La vittoria più recente per la Ferrari a Monza è stata gentilmente concessa da Fernando Alonso. Nel 2010, lo spagnolo, che aveva già vinto nel 2007, ha combattuto un lungo duello con Jenson Button, che alla fine ha dovuto dare il meglio a Fernando e alle capacità della F10. Da allora non ci sono state più vittorie nel Gran Premio d’Italia, ma l’anno scorso, Kimi Raikkonen è entrato nei primati di Formula 1 in qualifica. Al volante della SF71H, il finlandese ha conquistato la pole position a una velocità media di 263,587 km/h, la velocità media più rapida nella storia della categoria delle corse più elevate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here