Vettel si lamenta della tattica Ferrari in qualifica
Vettel si lamenta della tattica Ferrari in qualifica

Le tattiche della squadra italiana, per non parlare della farsa verificata negli ultimi momenti della sessione, hanno fatto sì che il tedesco potesse conquistare solo il quarto posto, e quindi partirà dalla seconda fila. Registrando il suo primo giro cronometrato senza il vantaggio della scia, Vettel stava cercando di ricevere un rimorchio nella sua seconda manche dal suo compagno di squadra, che, ironia della sorte, aveva ottenuto quello che si è rivelato essere il tempo migliore che gli ha consegnato la seconda pole consecutiva grazie a un rimorchio dal tedesco durante il suo primo tentativo.

Tuttavia, la follia che è stata la corsa finale, che alla fine ha visto Nico Hulkenberg, Lance Stroll e Carlos Sainz ricevere rimproveri per “giocare un ruolo significativo nel rallentamento delle auto in una fase critica del giro finale”, ha significato che Vettel non si è potuto migliorare.

Le parole di Sebastian Vettel

Pensavo ne avessimo parlato“, ha detto ai giornalisti il ​​tedesco. “Ho sicuramente ascoltato ciò che intendevamo fare. Penso che fosse chiaro cosa sarebbe successo nell’ultima parte delle qualifiche“, ha continuato, “Penso che stessimo prevedendo esattamente cosa è successo, ma non stavamo facendo quello che dovevamo fare ed è per questo che era un casino. E alla fine non sono riuscito a correre. Non sono contento di questo“, ha aggiunto, “ma ovviamente un buon risultato di squadra, che in questo paese, in Italia, è importante. Ma come ho detto, non sono del tutto felice perché pensavo fosse chiaro cosa abbiamo comunicato in anticipo, tra noi, interno, quindi il nostro team“.

Alla domanda se incolpasse il suo compagno di squadra, era irremovibile: “Non dalla mia parte. Ero io quello che cercava di indicare, ‘togliti di mezzo’ perché era chiaro che avrei dovuto essere il secondo nella seconda manche a rimorchiare , perché sono stato il primo nella prima manche. La gente stava rallentando, Charles stava rallentando e alla fine non sono riuscito a superare la linea, né ho avuto un buon rimorchio. Quindi non un buon risultato“. Il tedesco, in seguito, ha ottenuto il “beneficio del dubbio”, a seguito di un’indagine per verificare se ha superato i limiti di pista nella Parabolica durante il primo tentativo del Q3

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here