Vettel, GP Cina:
Vettel, GP Cina: "Il distacco dalla Mercedes è troppo grande"

Sebastian Vettel dice che il suo deficit dalle Mercedes era “troppo grande” nelle qualifiche del Gran Premio cinese e suggerisce che la Ferrari non è ancora in grado di replicare il suo modulo di test pre-campionato.

La Ferrari ha avuto la meglio sul ritmo del Bahrain, e Vettel ha aperto la strada nella sessione di apertura di venerdì sul circuito di Shanghai, ma la Mercedes ha avuto il sopravvento il sabato. Vettel ha finito per qualificarsi terzo dietro una prima fila tutta Mercedes, portandosi dietro il poleman Valtteri Bottas di 0,301 secondi.

Le parole di Vettel

Alla domanda sul divario dopo le qualifiche, Vettel ha dichiarato: “È troppo grande, ci piacerebbe che fosse il contrario, ovviamente, ma penso che abbiamo avuto una sessione decente. È importante se non possiamo batterli per essere dietro di loro, quindi domani avremo alcune opzioni speriamo. Da parte nostra, penso che siamo riusciti a migliorare la vettura da dove eravamo ieri, quindi sono abbastanza soddisfatto, ma non del tutto felice. Penso si potesse fare qualcosa in più, ma oggi è stato un po’ complicato mettere insieme i giri“.

Ha aggiunto: “Quando ci avviciniamo abbiamo un vantaggio sul dritto, quindi forse possiamo fare qualcosa lì ma la gara è lunga“. Vettel ha ammesso che la Ferrari stava ancora cercando il tipo di modulo che gli ha permesso di emergere da due settimane di test a Barcellona come favorito in pre-stagione.

Abbiamo una solida piattaforma su cui lavorare“, ha affermato. “Abbiamo iniziato molto bene a Barcellona – è stato davvero bello, davvero forte. Da allora penso che abbiamo faticato un po ‘a ripeterlo. Nelle ultime due gare abbiamo [avuto] piccoli problemi qua e là, quindi non sei felice e cerchi di aggirare i problemi, prova a impostare la macchina in modo diverso. Penso che stiamo ottenendo sempre di più, comprendendo alcune cose relative a circuiti diversi. Ma come ho detto, la macchina è forte, quindi tocca a noi estrarre la prestazione“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here