Stellantis punterà sull’elettrico, non sull’ibrido

Un futuro a zero emissioni per Stellantis
stellantis auto elettriche

Il programma di elettrificazione di Stellantis è iniziato subito dopo la conclusione della fusione tra FCA e PSA. Il gruppo punta forte sulle nuove tecnologie per anticipare l’evoluzione del mercato delle quattro ruote nel corso del prossimo futuro. Entro il 2025, almeno per quanto riguarda l’Europa, tutti i modelli in gamma avranno una variante elettrificata, elettrica al 100% oppure plug-in hybrid.

Per il futuro, però, Stellantis punterà sull’elettrico ed investirà sempre meno sulle soluzioni ibride. La conferma arriva direttamente dal CEO del gruppo, Carlos Tavares, che ha evidenziato quelle che saranno le strategie future dell’azienda nel corso dei prossimi anni. Secondo Tavares: “Nei prossimi tre o quattro anni la battaglia sarà sulla capacità di rimuovere il fattore ansia sul fronte dell’autonomia

Meno ibride, più elettriche

Per quanto riguarda le ibride, invece, Tavares ha sottolineato un aspetto centrale che condizionerà le produzioni future di Stellantis per quanto riguarda i nuovi modelli: “Non stiamo pensando di avere ancora ibride plug-in o ibride leggere: crediamo spariranno perché ci sarà un divieto alle endotermiche”

L’amministratore delegato di Stellantis ha evidenziato anche l’importanza dell’aspetto regionale. Ogni mercato seguirà tempistiche differenti per la transizione all’elettrico e il gruppo adeguerà le proposte in base alle necessità. Per i mercati che apriranno le porte alla mobilità a zero emissioni, l’azienda farà investimenti specifici.

Due piattaforme per auto elettriche fino al segmento D

Ricordiamo che nel corso del 2023 ci sarà il debutto della nuova piattaforma eVMP (acronimo di Electric Vehicle Modular Platform), sviluppata da PSA a partire dall’attuale Emp2. Tale piattaforma è pensata per realizzare modelli elettrici di segmento C e D del futuro ed andrà ad affiancare la CMP, utilizzata dalle city car di PSA.

Nel 2025 è previsto il lancio di una seconda piattaforma, pensata per i modelli di segmento A e B, che andrà a sostituire la CMP. Le due piattaforme saranno il punto di partenza della gamma di Stellantis e verranno sfruttate al massimo anche dai marchi italiani in arrivo da FCA. Maggiori dettagli arriveranno di certo con il nuovo piano industriale del gruppo.

Tante elettriche in arrivo

Il numero di auto elettriche in arrivo sul mercato per la gamma di Stellantis crescerà in misura considerevole nel corso dei prossimi anni. Tutti i brand saranno coinvolti. I marchi che hanno già iniziato la transizione verso la mobilità a zero emissioni continueranno a seguire le linee di sviluppo indicate.

Gli altri marchi li seguiranno a ruota. E’ così, quindi, che anche brand come Alfa Romeo potrebbero contare in breve tempo su di una gamma elettrica. Ricordiamo che i prossimi due modelli del marchio saranno entrambi elettrificati. Il Tonale sarà pllug-in hybrid ma utilizzerà una tecnologia sviluppata da FCA (la stessa della Compass ibrida).

Il nuovo B-SUV, invece, utilizzerà la piattaforma CMP sviluppata da PSA e potrà contare anche su di una variante elettrica a zero emissioni in arrivo a breve distanza dalle versioni benzina.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share