Stellantis e Renault: come mirano a trasformare l’industria automobilistica

Come Renault e Stellantis possono cambiare il mercato dell’auto
Stellantis e Renault: come mirano a trasformare l'industria automobilistica
Stellantis e Renault: come mirano a trasformare l’industria automobilistica

Dopo l’uscita di scena di Carlos Ghosn, l’ex capo della Seat Luca de Meo ha preso il timone del Gruppo Renault. Nel frattempo, Carlos Tavares ha preso il controllo di Stellantis, la nuova società di registrazione olandese creata dalla fusione del gruppo francese PSA con la Fiat Chrysler Automobiles italo-americana. Entrambi hanno ottimi risultati, ma devono affrontare sfide formidabili per garantire che alcuni dei marchi automobilistici più famosi al mondo possano prosperare in una nuova era dell’automobilismo.

La recente fusione del Gruppo PSA e Fiat Chrysler Automobiles ha creato la quarta casa automobilistica più grande del mondo, con i suoi 8,1 milioni di vendite globali nel 2019 dietro solo a Toyota, Volkswagen Group e Ford. Ma c’è un’area in cui Stellantis fa impallidire questi rivali: il numero di case automobilistiche.

Stellantis ne comprende 14 di marchi, coprendo tutti i principali segmenti di mercato, dalle city car elettriche alle tradizionali berline e SUV, auto sportive, supercar e persino il fiorente mercato dei pick-up negli Stati Uniti. Nemmeno le molte case automobilistiche appartenenti al Gruppo Volkswagen possono eguagliare una tale ampiezza, che per Stellantis presenta sia opportunità che sfide. Le opportunità risiedono nella portata di quei marchi e nell’eredità di nomi come Alfa Romeo, Fiat, Jeep, Peugeot e Vauxhall.

Le potenziali opportunità di Stellantis

Abbiamo con questi marchi iconici una grande varietà di modelli, afferma Carlos Tavares, CEO di Stellantis. “Con questo portafoglio di marchi, siamo presenti nei mercati più significativi e nelle aree di profitto del mercato“. Le sfide derivano dal garantire che i marchi non si invadano l’uno con l’altro e quindi cannibalizzino le vendite. Allo stesso modo, la loro disparità può militare contro le economie di scala: difficilmente si può costruire un’auto sportiva Maserati su una piattaforma di pick-up come il Ram.

Queste sono le sfide che FCA ha affrontato. Mentre la parte americana del business prosperava, alimentata dal successo del Ram, la parte italiana faceva fatica. Dove è stato possibile trovare un terreno comune, i risultati – come la Jeep Renegade, basata su una piattaforma condivisa con la Fiat 500L – sono stati indifferenti.

Nel frattempo, poiché FCA ha concentrato le risorse sui marchi di successo e su quelli in mercati redditizi, in particolare Alfa Romeo, Jeep e Ram, ha trascurato gli altri. La Fiat fatica a trovare il successo con qualsiasi modello oltre alla 500, mentre Chrysler e Lancia appassiscono. L’unica Chrysler ancora in vendita è il monovolume Pacifica, mentre l’unica Lancia, l’antica Ypsilon, è ora offerta solo in Italia.

Ciò contrasta con il recente successo di PSA da quando Tavares ha preso il timone nel 2015. A quel tempo, Citroën e Peugeot avevano linee di modelli simili in competizione per un pubblico simile. Ha allontanato ulteriormente i marchi e ha trovato spazio per scorporare DS come marchio premium, aumentando allo stesso tempo lo sviluppo e le piattaforme condivise.

Tavares ha guidato l’acquisto di Opel e Vauxhall da General Motors nel 2017 e, attraverso misure simili, le ha rese rapidamente redditizie.
Tavares applicherà la stessa filosofia di integrazione di piattaforme e sviluppo separando le identità del marchio a Stellantis. “Il nostro scopo è utilizzare la potenza e la scalabilità per fare grandi cose“, afferma. “Stellantis deve essere fantastica, piuttosto che grande“.

L’importanza della sinergia

È probabile che rimanga una certa divisione. Ci sono segni che i marchi americani di successo continueranno come un’entità in gran parte separati (guidati dall’ex capo della FCA Mike Manley), sebbene con un maggiore utilizzo di risorse condivise e componenti comuni. Tavares si è posta l’obiettivo di risparmiare 5 miliardi di euro entro cinque anni, principalmente attraverso l’ingegneria comune e l’aumento del potere d’acquisto. Ciò sarà vitale poiché Stellantis dovrà affrontare i costi dell’elettrificazione e dell’autonomia negli anni a venire.

Queste sinergie aumenteranno anche i marchi che per motivi di priorità in passato non potevano investire quanto avrebbero voluto, secondo Tavares. I marchi che potrebbero trarne vantaggio sono chiari: Fiat in particolare potrebbe introdurre rapidamente una gamma di auto attesa da tempo sulle comprovate piattaforme PSA e potrebbe esserci un crossover tra Alfa Romeo, Maserati e modelli PSA più grandi. La chiave sarà garantire che ogni marchio abbia il suo posto.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
4
Share