Stellantis assicura che SRT non va da nessuna parte

Stellantis ha affermato che continuerà a produrre modelli a marchio SRT per Dodge, Ram e Jeep
Dodge Durango SRT Hellcat
Dodge Durango SRT Hellcat

All’inizio di questa settimana, la notizia che Stellantis avrebbe sciolto il team SRT ha scioccato tutti. Il marchio di auto ad alte prestazioni ha prodotto alcune macchine potenti negli ultimi anni, a partire dall’originale Hellcat nel 2015 e culminata con l’auto Demon Drag pochi anni dopo. Tuttavia, non c’è ancora nessun canto del cigno pianificato per SRT. Stellantis ha affermato che continuerà a produrre modelli a marchio SRT per Dodge, Ram e Jeep.

Stellantis ha affermato che continuerà a produrre modelli a marchio SRT per Dodge, Ram e Jeep

Sebbene non esista più un team SRT (Street and Racing Technology) dedicato, gli ingegneri che compongono quel gruppo continuano a lavorare per l’azienda. Sono stati distribuiti tra i vari marchi Stellantis – oltre una dozzina – e integrati nell’organizzazione ingegneristica globale. L’ex team SRT continuerà il suo lavoro orientato alle prestazioni, assistendo anche altri marchi nello sviluppo del prodotto. Secondo l’azienda, questo avrà un “vantaggio bidirezionale”, consentendo al team SRT di soddisfare gli standard di qualità condividendo le proprie conoscenze sulle prestazioni con tendoni meno entusiasti.

Il futuro della SRT dei motori a benzina ad alta potenza non è garantito. Al contrario, in realtà. Il CEO di Dodge Tim Kuniskis ha ammesso che i giorni del V8 da 6,2 litri sovralimentato erano contati con veicoli elettrici proprio dietro l’angolo, anche se ha notato che le prestazioni prodotte da quei motori hanno un futuro sano. I veicoli elettrici possono fornire una coppia istantanea per ottenere prestazioni di accelerazione sbalorditive e divertimento ad alta potenza. È solo consegnato in modo diverso.

Stellantis sposa Fiat Chrysler Automobiles e PSA Group diventando la quarta casa automobilistica più grande del mondo, riunendo 14 marchi automobilistici sotto un unico ombrello. Il consolidamento spera di risparmiare i due costi in futuro man mano che i veicoli elettrici diventeranno la norma, anche se la gestione di tutti quei marchi potrebbe essere una sfida. Già la fusione ha visto il nuovo conglomerato annullare i piani per portare Peugeot in America. Invece, si concentrerà sul rinvigorire Chrysler negli Stati Uniti. Dunque forse vedremo una nuova Chrysler 300 con marchio SRT.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share