Stellantis: gli 8 marchi più iconici e importanti del nuovo gruppo

Ecco gli 8 marchi più famosi di Stellantis
Stellantis: gli 8 marchi più iconici e importanti del nuovo gruppo
Stellantis: gli 8 marchi più iconici e importanti del nuovo gruppo

Con la fusione formale di PSA e Fiat Chrysler Automobiles nel gennaio 2021, nasce proprio di recente Stellantis. Il nuovo gruppo possiede un totale di 18 marchi, inclusi alcuni dei marchi più amati sul mercato. Nel breve tempo in cui sono stati formati, il gruppo ha pubblicato una serie di comunicati stampa che riassumono il modo in cui vedono ciascuno dei loro marchi.
Ciò significa che gli appassionati di auto ora hanno un’idea di come potrebbe essere il futuro del loro marchio preferito, anche se con pochi dettagli ancora disponibili. Per fortuna, sembra che Stellantis non abbia ancora intenzione di “eliminare” nessuna casa automobilistica, anche se non l’hanno escluso a lungo termine. Quindi chi sono esattamente i marchi più noti e iconici?

Tra gli 8 marchi più leggendari assunti da Stellantis, troviamo la Lancia. La casa automobilistica italiana Lancia è stata originariamente fondata nel 1906 sotto la guida di Vincenzo Lancia, un pilota da corsa e imprenditore. La casa italiana è famosa soprattutto per la loro eredità nei rally, avendo creato icone da fuoristrada come Lancia Stratos e Delta Integrale, ma anche 037 e Beta Montecarlo. La mancanza di investimenti nel marchio per diversi decenni ha fatto sì che attualmente l’azienda sia relegata a vendere un solo modello, la Ypsilon. Tuttavia, Stellantis documenta la classe Lancia come un marchio “Premium” accanto all’Alfa Romeo, quindi si spera che ciò significhi che una nuova ondata di investimenti è imminente.

Stellantis: i marchi più famosi

Dodge ha fatto passi da gigante tra gli appassionati di auto negli ultimi anni con una serie di modelli Hellcat basati sull’onnipotente motore da 717 CV. Tuttavia, la formazione del marchio sta rapidamente invecchiando e ci sono voci secondo cui il marchio potrebbe non durare troppo a lungo. Non aiuta che Stellantis abbia classificato Dodge nella categoria generica “Marche americane”, insieme a Chrysler e Ram. Affinché Dodge possa sopravvivere, avrà bisogno di ingenti investimenti per una formazione completamente nuova. Ad esempio dovrebbero pensare ad una potenziale elettrificazione dei modelli. Tuttavia, i fan di Dodge comprerebbero un modello elettrico? In caso contrario, il suo futuro sembra incerto.

Abarth è inseparabilmente intrecciata con la Fiat. Il ruolo di Abarth nel gruppo è quello di prendere le city car Fiat economiche ed elaborarle. Così hanno più potenza e un tocco italiano. Lo hanno fatto quasi costantemente da quando Fiat le ha rilevate nel 1971. Le Abarth sono belle perché sono un modo economico per possedere un’auto tradizionalmente italiana, senza comprometterne la praticità. Molte auto sportive italiane sono un incubo da guidare quotidianamente o terribilmente costose da mantenere, o entrambe le cose. I guidatori di Abarth non devono preoccuparsi di nessuna di queste cose, rendendole un’offerta piuttosto unica nel mercato in questo momento.

Citroën ha prodotto alcune auto strane nel corso degli anni, ma ne ha anche realizzate alcune sbalorditive. La Citroën GT è un buon esempio di queste ultime. Il marchio non ha mai evitato di introdurre componenti sperimentali nelle sue auto, rendendola costantemente una delle case automobilistiche di consumo più all’avanguardia. Quella volontà di sperimentare è viva e vegeta oggi, come dimostra la loro linea di auto Cactus altamente divisiva ma innovativa. I documenti di Stellantis li classificano come un marchio “Core”, quindi dovrebbero essere sicuri per continuare a innovare in futuro.

L’importanza di Mopar, Alfa Romeo, Jeep e Maserati

Il ruolo di Mopar nella nuova formazione Stellantis è quello di fornitore di servizi. Il marchio è stato storicamente associato a Chrysler, ma ha anche prodotto varianti speciali di modelli di altri produttori FCA come Dodge. Sembra che Mopar possa ottenere un ruolo più ampio nel nuovo gruppo come fornitore di componenti per altre marche recentemente fuse da PSA.

Un marchio famoso per le sue auto belle ma capricciose, l’Alfa Romeo produce automobili dal 1910. Incarna molti stereotipi sull’industria automobilistica italiana: produce auto veloci che sembrano grandiose ma hanno l’abitudine di rompersi nei momenti inopportuni. La buona notizia è che negli ultimi anni l’Alfa ha migliorato la propria affidabilità e di conseguenza le sue vendite sono leggermente aumentate.

La loro formazione è ancora incoerente, tuttavia, con modelli come la Guilietta che stanno effettivamente andando bene nei test di affidabilità, ma altri si rivelano un flop. Si spera che, con la fusione di Stellantis, il marchio sarà in grado di co-sviluppare soluzioni con marchi più affidabili. Il loro obiettivo dovrebbe sicuramente essere quello di realizzare auto che siano sia fantastiche da guidare sia che non si guastino.

Poi troviamo Jeep, il marchio di fuoristrada più famoso al mondo, al punto che in alcuni luoghi del mondo la parola “Jeep” può essere usata in modo intercambiabile per qualsiasi fuoristrada. Sono anche un enorme successo di vendite e sono uno degli unici motivi per cui FCA ha ancora fatto soldi prima della fusione. Stellantis ha detto che stanno cercando di espandere il successo di Jeep e portarli in ancora più mercati in tutto il mondo, classificandoli come il marchio “SUV globale”. Con finanziamenti extra per costruire sulle loro auto già impressionanti, sembra che il futuro per Jeep sia davvero molto luminoso.

Per ultima, ma non meno importante, troviamo la Maserati. Ha attraversato anni di stagnazione delle vendite e invecchiamento delle line-up. Tuttavia con il rilascio della MC20 sembra che il marchio stia puntando a fare un ritorno in grande stile. Questo dovrebbe essere aiutato da Stellantis, che ha classificato il marchio come l’unica voce nel loro livello “Luxury”. Ci sono stati suggerimenti che Stellantis sta cercando di rendere il marchio esclusivamente elettrico, nel tentativo di competere con artisti del calibro di Tesla e Porsche Taycan. Speriamo che Maserati ottenga l’investimento di cui ha bisogno da Stellantis per fare di nuovo una formazione piena di auto interessanti.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti
Total
0
Share