Responsabile FCA arrestato per emissioni diesel alterate
Responsabile FCA arrestato per emissioni diesel alterate

Un manager della Fiat Chrysler Automobiles, che secondo i procuratori ha guidato un team di ingegneri nello sviluppo di motori diesel per la società, è stato accusato ed arrestato da una giuria dello scandalo delle frodi diesel della FCA.

Emanuele Palma, un responsabile della calibrazione diesel della FCA, deve affrontare una serie di accuse tra cui cospirazione, violazioni di atti di aria pulita, frode via cavo e dichiarazioni false. Le accuse più gravi comportano pene detentive fino a 20 anni. I dettagli del caso sono stati svelati martedì davanti al tribunale federale di Detroit.

Palma, 40 anni, è stato scortato martedì davanti al giudice magistrato Elizabeth Stafford in manette, ed è entrato in un appello non colpevole a suo nome, secondo il personale della corte. È un cittadino italiano e vive a Bloomfield Hills, ha detto un comunicato stampa del Dipartimento di Giustizia.

Palma è stato rilasciato con un’obbligazione non garantita da $ 10.000, ma ha dovuto rinunciare al passaporto italiano e consegnare la patente di guida avanzata (dovrà ottenere una patente standard). Palma è anche limitata a viaggiare nel Michigan, a meno che non ottenga preventivamente l’approvazione dai servizi preliminari.

Scandalo emissioni diesel FCA!

Il caso coinvolge pickup Ram 1500 2014-16 e Jeep Grand Cherokee. Le autorità avevano accusato la società, in un’eco del caso di emissioni contro la Volkswagen, di aver imbrogliato sui test delle emissioni diesel in modo che i veicoli si comportassero diversamente sulla strada rispetto ai test. In precedenza FCA aveva preso parte a un insediamento civile che avrebbe visto i proprietari dei circa 100.000 veicoli interessati ammissibili ai pagamenti in contanti che potevano ammontare a più di $ 3.000 ciascuno. La società, che ha costantemente negato di aver commesso un illecito intenzionale, si aspettava di spendere $ 790 milioni per risolvere le accuse di frode.

In una dichiarazione all’inizio di quest’anno, tuttavia, l’amministratore dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti Andrew Wheeler ha accusato direttamente FCA, affermando che “non solo hanno violato la legge, ma hanno anche cercato di nascondere le loro azioni“.

Nel comunicato del Dipartimento di Giustizia, le autorità si sono impegnate ad agire con forza in tali casi.

Truffare i regolatori governativi, i clienti e il pubblico per aumentare le vendite e il risarcimento saranno perseguiti dal Dipartimento di Giustizia nella misura massima consentita dalla legge“, ha affermato l’assistente procuratore generale Brian Benczkowski, della Divisione Criminale del Dipartimento di Giustizia. oggi dimostra che la Divisione Criminale è impegnata a indagare e perseguire sofisticati schemi criminali e reati societari che violano la legge sull’aria pulita e altre leggi federali.

FCA ha rilasciato una dichiarazione sul caso, affermando che sta collaborando:

Continuiamo a collaborare pienamente con le autorità, come abbiamo già fatto in questo momento. Vi rimandiamo a dichiarazioni precedenti che abbiamo fatto in materia e al momento non abbiamo altro da aggiungere.”

Le dichiarazioni precedenti includevano quelle di Mark Chernoby, Chief Technical Compliance Officer della FCA, il quale rilevava che il caso aveva causato incertezza per i clienti e che la sua soluzione civile aveva cercato di mantenere la loro fiducia.

Oltre ai pagamenti, l’accordo ha richiesto un richiamo per l’aggiornamento del software di controllo delle emissioni e garanzie estese. Chernoby ha affermato che anche l’azienda sta adottando misure aggiuntive.

Abbiamo implementato nuove rigorose procedure di convalida e aggiornato i nostri programmi di formazione per garantire il costante rispetto del contesto normativo sempre più complesso“, ha affermato Chernoby in una nota in quel momento.