PSA e Fiat Chrysler, una fusione che solleva interrogativi

fusione psa fca
fusione psa fca

È il primo evento economico dell’anno. Gli azionisti di PSA e Fiat Chrysler (FCA) dovrebbero votare oggi a favore della fusione tra i due gruppi, annunciata alla fine del 2019. L’esito di queste due assemblee non è certo in dubbio dato l’equilibrio di potere. La famiglia Agnelli controlla la Fiat, mentre in Francia la famiglia Peugeot, lo Stato (tramite BPIFrance) e il cinese Dongfeng (che si ritirerà gradualmente dal nuovo gruppo) pesano abbastanza da imporre le loro opinioni.

Poco prima di Natale, la Commissione Europea ha già dato il via libera alla creazione di Stellantis, il quarto gruppo automobilistico al mondo per volume e terzo per fatturato, dietro Volkswagen e Toyota, con marchi famosi come Peugeot, Citroën, Opel, Fiat, Chrysler, Jeep, Maserati, Dodge o anche Alfa Romeo.

“L’unica condizione stabilita da Bruxelles era che PSA e FSA lasciassero un po’ di spazio ai loro concorrenti sul mercato dei piccoli furgoni commerciali in cui detengono un terzo del mercato. Entrambi stanno già realizzando veicoli per conto di Toyota: si sono impegnati a produrne di più e a un prezzo inferiore.

John Elkann, attuale presidente di Fca ed erede della famiglia fondatrice Agnelli, presiederà il consiglio di amministrazione, mentre Carlos Tavares, il capo di PSA, sarà l’amministratore delegato. Stellantis sarà quotata a Parigi, Milano e New York, ma la sede centrale è domiciliata in Olanda, come Airbus, STMicroelectronics o Renault Nissan Alliance”.

Non essendo regolata dalla legge francese, Stellantis non sarà quindi soggetta alle regole di governance del codice Afep Medef, in particolare per quanto riguarda i compensi e gli emolumenti vari. L’esatto ammontare della commissione concessa a Carlos Tavarès per aver eseguito l’operazione è, a questo proposito, molto atteso.

Essere più grandi garantisce di avere più risorse per far fronte ai cambiamenti nel settore automobilistico, che dovrà investire massicciamente per passare all’elettrico. Questa è la spiegazione ufficiale addotta per giustificare questa fusione, che avverrà tramite scambio di azioni e che si presenta come “50/50”. Gli italiani, ovvero gli Agnelli con la loro holding Exor, detengono il 14,6% delle azioni, e il campo francese (famiglia Peugeot e BPIFrance) avrà la stessa quantità di azioni.

Ma alcuni azionisti considerano questa fusione sbilanciata e particolarmente vantaggiosa per FCA che aveva già tentato di sposare Renault, prima di essere respinta dal governo francese. ” Questa fusione è un’acquisizione da parte degli italiani senza che essi paghino un premio di controllo “, afferma Denis Branche, vicedirettore generale della società di gestione Phitrust, che si oppone a questa fusione.

Secondo lui, PSA ha effettivamente prestazioni finanziarie e ambientali migliori (meno emissioni di CO 2 per veicolo) rispetto al gruppo italo-americano. Phitrust sottolinea i rischi di disgregazione sociale, soprattutto perché il nuovo gruppo ha continuato ad aumentare la quantità di sinergie previste. Adesso si aggirano sui 5 miliardi di euro.

In Italia, i sette siti di assemblaggio di FCA sono, infatti, noti per la loro forza lavoro gonfiata (60.000 dipendenti), ma il gruppo ha ricevuto 6 miliardi di euro dallo Stato italiano, sotto forma di prestito. garantito. Questo “renderà politicamente quasi impossibile razionalizzare le fabbriche italiane sottoutilizzate, e le fabbriche francesi di PSA potrebbero diventare la variabile di aggiustamento, portando a pesanti perdite di posti di lavoro” , sottolinea Denis Branche.

Ti potrebbe interessare: Chrysler potrebbe non sopravvivere alla fusione PSA-FCA

Articoli Suggeriti
Total
9
Share