Ferrari

Mattia Binotto: cosa significa quel “Oggi sei perdonato” detto a Leclerc?

Mattia Binotto e Leclerc

Il direttore del team Ferrari Mattia Binotto ha dato a Charles Leclerc un insolito messaggio alla radio subito dopo la sua vittoria nel Gran Premio d’Italia di domenica. Mentre Leclerc ha iniziato a celebrare la sua vittoria davanti alla folla di Monza, Binotto gli ha detto “Oggi sei perdonato“, ma che significa? A Binotto è stato chiesto cosa intendesse con l’osservazione dopo la gara durante la conferenza stampa del team che ha coinvolto lui, Leclerc e Sebastian Vettel.

Cosa significa il team radio di Mattia Binotto

“” Oggi sei perdonato “- significa che qualunque cosa sia accaduta negli ultimi giorni di cui abbiamo discusso – è qualcosa che rimarrà tra nostri tre – è perdonata. Almeno oggi ha fatto un buon lavoro“, ha detto Binotto. “Questo è per me come un modo per dirgli che oggi almeno siamo felici per il lavoro che ha svolto“, ha aggiunto.

Mentre Binotto non era disposto a elaborare ciò di cui Leclerc aveva bisogno per essere “perdonato”, Vettel aveva espresso insoddisfazione per la guida di Leclerc nelle qualifiche 24 ore prima. Vettel aveva dato al suo compagno di squadra il vantaggio della scia nel loro primo run in Q3 e Leclerc avrebbe dovuto restituire il favore nel secondo tentativo. Tuttavia, Vettel ha superato Leclerc poco dopo aver lasciato i box e Leclerc non ha superato il suo compagno di squadra fino alla fine del giro, quando ormai è stato troppo tardi per entrambi per completare la loro corsa finale. Vettel si è qualificato quarto, mentre Leclerc ha preso la pole position. Dopo la gara Leclerc ha dichiarato che Vettel era stato “estremamente sfortunato” nelle qualifiche.

Notizie Correlate
Ferrari

Vettel: "Non posso essere felice delle qualifiche fatte nel 2019"

Ferrari

GP Stati Uniti: Leclerc evita la penalità dopo la sostituzione del motore

Ferrari

"Non siamo sicuri che la Ferrari possa eguagliare il passo gara della Mercedes ad Austin"

Ferrari

Ferrari vuole chiarimenti della FIA sulla legalità del suo motore