Ferrari

Leclerc: “Il GP della Cina è divertente di solito”

Leclerc: "Ecco perché ho ignorato gli ordini di scuderia in Bahrain"

Siamo ufficialmente nella settimana del Gran Premio della Cina. Domenica prenderà il via il terzo Gran Premio del mondiale 2019 di Formula 1 e nonostante i risultati, il campionato è più combattuto che mai: abbiamo la Ferrari molto veloce, che è stata sfortunata, la Mercedes che, invece, si difende dai deficit di potenza tramite la furbizia e le strategie, ed infine c’è la Red Bull di Verstappen che dà bagarre in pista. Questo riguarda solo i top team, perché tra i team secondari c’è una rivalità molto accesa, come abbiamo già visto con McLaren, Renault, Alfa Romeo, Toro Rosso e Haas. A tal proposito si sono espressi anche Sebastian Vettel e Charles Leclerc.

Intervista a Charles Leclerc

Il nuovo pilota della Ferrari che si è già fatto valere nel Gran Premio del Bahrain e che è stato fermato solo da un problema di affidabilità, spiega che: “È la millesima gara della storia della Formula 1 e spero di poter avere una vettura competitiva. come l’ho avuta in Bahrain, per continuare ad andare in cerca di quel risultato che meritiamo. Quella di Shanghai è una delle piste che conosco meno, avendoci gareggiato solo lo scorso anno. Ho un bel ricordo della qualifica, meno della gara, anche se nel complesso il tracciato mi piace parecchio. Propone curve molto diverse da quelle che poi troveremo nel resto del calendario, in particolare la curva 1 e la 13 che immette nel lungo rettilineo. Di solito quella cinese è una gara divertente perché le condizioni meteo sono spesso imprevedibili e la pioggia potrebbe arrivare all’ improvviso, quando meno te la aspetti”.

Se da un lato Leclerc, ha corso solo una volta, Sebastian Vettel ci ha corso molte volte, e ha avuto sia momenti positivi, che momenti negativi. L’anno scorso, ad esempio, nonostante fosse partito in pole position, tra errori di strategia e il testacoda è finito molto indietro nella classifica. Ai microfoni, il tedesco afferma che: “Ho vissuto diverse belle gare su questo tracciato. Con la Ferrari sono andato più di una volta vicino alla vittoria. Shanghai è una delle piste più tecniche e difficili della stagione. Sono molto fondamentali due curve: la 1 e la 13. La curva 13 immette sul rettilineo lungo oltre un chilometro. Sono entrambe molto difficili e non è semplice a volte trovare la linea migliore per affrontarle, perché in entrambe, la pista è molto larga. Sono complesse non solo in qualifica, nel momento in cui bisogna dare tutto in un giro, ma anche durante la gara della domenica. Salvaguardare le gomme in questa pista è un fattore molto importante. E’ il compito che tutti sanno di dover fare nel modo migliore in gara la domenica per far durare il più possibile gli pneumatici ed essere competitivi per tutta la gara”.

Notizie Correlate
Ferrari

Vettel appoggia Hamilton sull'idea dei caschi

Ferrari

Hamilton: "La Ferrari ha perso potenza da quando sono state chiarite alcune cose"

Ferrari

GP Stati Uniti, qualifiche: interviste Ferrari

Ferrari

Vettel: "Sono stato conservativo nel primo giro del Q3"