Kimi Raikkonen convocato dai commissari prima dell’inizio della stagione 2021? Era solo un test

Kimi Raikkonen convocato dalla FIA prima ancora che iniziasse il mondiale 2021 di Formula 1
Kimi Raikkonen
Kimi Raikkonen

Sembra che anche la FIA non ne abbia mai abbastanza di Kimi Raikkonen. Il pilota dell’Alfa Romeo che è impegnato a condurre uno shakedown a Barcellona con la C41 appena svelata potrebbe avere lo shock della sua vita quando vedrà che la FIA aveva convocato lui e la sua squadra in Bahrain. La ragione? Apparentemente, “Iceman” ha infranto una regola durante i test del 23 febbraio. Tuttavia, il documento che incolpa Kimi sembra essere un enorme errore della FIA. Raikkonen non era nemmeno in Bahrain. In effetti, nessuna squadra è ancora arrivata lì, e i test pre-stagionali dovrebbero iniziare solo il 12 marzo. In realtà, si trattava semplicemente di un test per vedere se il tutto funzionava correttamente.

Kimi Raikkonen e i test della FIA

A quanto pare, il 23 febbraio Raikkonen era impegnato a “non” sorridere alle telecamere mentre il team ha svelato la sua formazione di piloti e la loro ultima macchina. La regola sulla quale Kimi sarebbe caduto in errore è l’articolo 31.6. Esso riguarda un pilota che riduce la propria velocità una volta che la bandiera rossa è stata sventolata in pista. Indica inoltre le procedure da seguire per tornare in pitlane.

L’intero scenario è reso ancora più divertente dal fatto che tutti i dettagli che accusano il finlandese sono incredibilmente accurati. L’ora in cui Raikkonen ha infranto la regola sarebbe alle 18:36 e che il team e il pilota avrebbero dovuto presentarsi agli steward alle 14:30. Kimi Raikkonen, totalmente innocente, sarebbe più interessato ai test pre-stagionali futuri. L’anno scorso il pilota dell’Alfa Romeo ha avuto una stagione difficile. Nonostante alcuni momenti memorabili, è riuscito ad accumulare solo quattro punti. Spererebbe che questa stagione sia molto più fruttuosa, soprattutto perché i fan credono che questa potrebbe essere l’ultima.

La Ferrari, che fornisce i motori alla casa di Hinwil, è ottimista di aver colmato il deficit di ritmo che era evidente lo scorso anno. Questa dovrebbe essere una notizia positiva per l’Alfa Romeo. Ma poi di nuovo, c’è solo così tanto che un motore più potente può fare se il telaio non è all’altezza. Vedremo dunque cosa succederà sin dai primi test.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share