Honda entra a far parte del pool CO2 di Tesla e FCA

Honda è entrata a far parte del pool di CO2 di Tesla e Fiat Chrysler Automobiles (FCA) nell’UE, secondo un documento ufficiale della Commissione europea
Honda FCA e Tesla
Honda FCA e Tesla

Honda è entrata a far parte del pool di CO2 di Tesla e Fiat Chrysler Automobiles (FCA) nell’UE, secondo un documento ufficiale della Commissione europea. Le immatricolazioni di Honda e sembrano insufficienti per ridurre le emissioni complessive della flotta Honda.

Schmidt Automotive Research ha riportato per prima la notizia. Secondo il documento, quest’anno in Europa occidentale sono state immatricolate solo circa 1.000 unità della Honda e, pari a circa il due per cento di tutte le immatricolazioni Honda. Ciò significa che le vendite della piccola auto elettrica e i conseguenti super crediti non sono sufficienti per ridurre le emissioni della flotta di CO2 di Honda abbastanza da consentire alla società giapponese di evitare multe dell’UE. Da qui il collegamento al pool di FCA e Tesla, fondato nel 2019.

Inoltre, Schmidt Automotive Research prevede che Tesla sarà in grado di aumentare significativamente le sue immatricolazioni nel quarto trimestre, in parte a causa dell’inizio delle consegne del Model 3 dalla produzione cinese. Ciò potrebbe anche alleviare l’onere per la produzione statunitense delle altre varianti. Nei primi tre trimestri, Tesla era già del 16% superiore alle registrazioni dell’anno precedente nell’UE. Inoltre FCA “ha bisogno di un aiuto un po’ meno del previsto” con la “spinta PHEV” sui piccoli modelli Jeep Renegade e Compass e con la nuova Fiat 500. Un volume di CO2 che sarebbe così gratuito per Honda.

Le condizioni in cui Honda si è unita al pool di CO2 non sono note. Con FCA come partner del pool da solo, Tesla ha raccolto quasi un miliardo di euro quest’anno. Il reddito del pool di CO2 ha quindi dato un contributo molto significativo alla redditività di Tesla: nei primi tre trimestri, i profitti sono stati pari a 451 milioni di dollari, ovvero 387 milioni di euro.

Lo scorso fine settimana è stato annunciato che Ford sta formando un pool di CO2 nel settore delle autovetture con Volvo e Polestar. L’azienda svedese aveva precedentemente annunciato che quest’anno avrebbe superato l’obiettivo di CO2. Inoltre, Volkswagen ha formato un pool di CO2 con i suoi marchi Skoda, Seat, Porsche, Bugatti e Audi in un pool di CO2 con SAIC e la sua controllata MG. Toyota e Mazda formeranno anche un pool di CO2 nel 2020. La sola Renault attualmente sta ancora formando un pool di CO2 e offre i suoi contingenti ad altre case automobilistiche. LEVC ha ora ritirato la sua offerta anche per formare un pool di CO2.

I pool di CO2 per le auto immatricolate M1 sono separati dai veicoli commerciali leggeri di classe N1. Alcuni SUV pesanti sono anche registrati come veicoli N1, il che significa che anche le case automobilistiche sono elencate tra i veicoli commerciali leggeri. Anche in questo caso diversi marchi del gruppo VW sono entrati in pool con SAIC. La stessa Volkswagen forma un pool di veicoli commerciali con Ford. Renault sta anche aspettando un pool partner per i veicoli commerciali leggeri.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler, Honda, Hyundai: gli Stati Uniti ampliano le indagini sugli airbag difettosi

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share