Vettel:
Vettel: "Charles mi sta sfidando e io faccio lo stesso"

Le due SF90 hanno collezionato 35 giri sul circuito di Singapore. Seb e Charles hanno iniziato non proprio benissimo registrato  1:44.479 e 1:43.618. Dopo i loro primi stint, sono state montate e valutate nuove parti introdotte per questa gara. Sebastian è uscito in pista nuovamente, segnando un 1:40.426, secondo tempo più veloce della sessione, mentre Charles ha dovuto affrontare il problema del cambio di cui sopra dopo soli 12 giri. Sebastian ne ha fatti 23. Con il cambio sostituito tra le sessioni, il team è stato in grado di indagare sulla causa del malfunzionamento senza incappare nelle penalità.

Come al solito, i tempi sul giro sono scesi nella seconda sessione e Sebastian e Charles hanno superato il programma previsto. Ciascuno ha fatto 31 giri per finire terzo e sesto. Il miglior giro del tedesco è stato un 1:39.591, mentre il monegasco ha fatto un 1:40.018. Nella seconda parte della sessione i piloti hanno lavorato sulla simulazione di gara, provando le varie mescole dei pneumatici e i diversi carichi di carburante.

GP Singapore: intervista a Vettel e Leclerc

Sebastian Vettel: “L’Ungheria è il circuito di riferimento per questa tracciato, ma oggi forse non è il giorno giusto da confrontare e domani sarà molto più semplice. Non è stato il venerdì più fluido per noi e penso che ci sia ancora un margine di miglioramento su l’auto. Comunque i nostri rivali sembrano molto veloci, certamente più veloci di noi. Le soft sono lo pneumatico che non usiamo così tanto, ha una presa maggiore ma non dura così tanto. Oggi non è stato così male e lo pneumatico medio non è stato molto migliore. Comunque, domani ci concentriamo sulle soft e quando si tratta della gara, come al solito qui, cercheremo tutti di sopravvivere con una sola sosta e gestire la gara. Come ho detto, possiamo ancora migliorare, perché la macchina non sta ancora facendo esattamente quello che voglio, e in termini di equilibrio sappiamo dove possiamo trovare un po’ di tempo sul giro. Tutte le nuove parti che abbiamo portato sembrano funzionare, quindi vediamo quanto possiamo avvicinarci domani”.

Charles Leclerc: “È stata una giornata piuttosto complicata dalla mia parte. Abbiamo avuto un problema nelle FP1, quindi non abbiamo potuto completare tutti i giri che avevamo programmato, il che è stato un peccato. Nella seconda sessione, non mi sono sentito pienamente ancora a mio agio con il bilanciamento della macchina o con la pista, e penso che ci sia anche un bel po’ di tempo sul giro da guadagnare migliorando la mia guida. Analizzeremo i dati e ci assicureremo di fare un buon passo avanti per domani. Venendo a Singapore, sapevamo che i nostri concorrenti sarebbero stati forti e che non sarebbe stato il weekend più semplice per noi. Ma non è ancora finito. Noi daremo tutto per tornare più forti domani”.