Ferrari

GP Abu Dhabi: anteprima Ferrari

GP Abu Dhabi: anteprima Ferrari

Nel corso degli anni, Yas Marina non è mai stata una pista propizia per la Scuderia Ferrari, il team non ha mai vinto qui, anche se ha terminato in seconda e terza posizione tre volte. C’è un ricordo particolarmente amaro del 2010 quando la squadra di Maranello è arrivata al GP d’ Abu Dhabi con Fernando Alonso al comando del campionato del mondo, 8 punti davanti a Mark Webber e 15 punti davanti al compagno di squadra, Sebastian Vettel. Un errore strategico ha lasciato lo spagnolo in fondo, quindi il tedesco ha conquistato il primo titolo, battendo Alonso di quattro punti.

Per quanto riguarda i summenzionati secondi posti, due di loro sono arrivati ​​per gentile concessione di Alonso, nel 2011 dietro Lewis Hamilton nella McLaren, nel 2012 dietro la Lotus di Kimi Raikkonen e l’anno scorso Vettel è stato secondo dietro la Mercedes di Hamilton. I tre terzi posti sono stati assegnati a Kimi nel 2015 e Sebastian nel 2016 e 2017.

Mentre Sebastian ha ottenuto tre vittorie ad Abu Dhabi, Charles ha corso qui solo una volta, quando l’anno scorso ha concluso al settimo posto per la Sauber. È stato un finale forte per la stagione ed è stato seguito dal miglior inizio possibile per i suoi preparativi con il passaggio alla Scuderia Ferrari.

Anteprima Ferrari: le interviste a Leclerc e Vettel

Charles Leclerc:Abu Dhabi, l’ultimo gran premio della stagione. La maggior parte del paddock probabilmente non vede l’ora di godersi le vacanze. Dal mio punto di vista, sono in realtà piuttosto triste di non sentire quell’adrenalina di correre. In questa gara, tutti spingono al massimo dato che, per la maggior parte dei piloti, non c’è nulla da perdere. La gara inizia alla luce del giorno e termina di notte, il che è qualcosa di piuttosto speciale che non sperimentiamo da nessun’altra parte. Un altro aspetto diverso qui è il degrado delle gomme, che è qualcosa a cui dobbiamo abituarci. È sempre una gara interessante e non vedo l’ora che arrivi la mia ultima uscita della stagione con la Scuderia Ferrari“.

Sebastian Vettel: “Oltre ad essere l’ultima gara del 2019, il GP di Abu Dhabi segna l’inizio della stagione 2020 in molti modi, con la maggior parte delle squadre che provano idee per il prossimo anno durante le prove libere di venerdì. Quindi, come al solito il martedì e mercoledì dopo la gara, c’è la sessione di test in cui saremo in grado di valutare le gomme per il prossimo anno e quelle per il 2021. Concentrarsi sul lavoro per il prossimo anno non è un problema durante le sessioni mattutine di venerdì e sabato in quanto le condizioni sono molto più calde di quelle sperimentate durante le qualifiche e la gara che sono meno utili in termini di lavoro sul set-up e sulla configurazione della gara. Yas Marina presenta molte curve a bassa e media velocità. A differenza di San Paolo, Pirelli ha portato i suoi tre pneumatici con mescola più morbida in questa gara. Tuttavia, è probabile che si tratti di una gara con pit stop unico, perché il sorpasso è molto difficile nonostante il fatto che ci siano due zone DRS. Significa che qualificarsi bene è molto importante. È un’opportunità per noi per terminare la stagione al massimo ma sappiamo che la competizione è forte, quindi dovrebbe essere una gara emozionante“.

Notizie Correlate
Ferrari

Binotto: "Il secondo posto non è mai abbastanza. Ci aspetta un inverno intenso"

Ferrari

Ferrari: il 2019, per fortuna, volge al termine

Ferrari

Ferrari Roma: l'unione dello stile con la capitale italiana

Ferrari

Hulkenberg: "Leclerc è un bastardo fortunato"