Fiat e Jeep aiuteranno Peugeot e Citroen in Brasile

Fiat e Jeep aiuteranno Peugeot e Citroen a crescere nel mercato brasiliano secondo quanto dichiarato da Carlos Tavares
Fiat e Jeep
Fiat e Jeep

In visita agli stabilimenti di Stellantis in Brasile, il CEO del nuovo gruppo, Carlos Tavares, ha visitato due poli automobilistici ereditati da FCA che, secondo lui dovrebbero contribuire molto a rafforzare e riprendere la crescita degli altri marchi dell’azienda nella regione. Pertanto, gli investimenti per Fiat e Jeep dovrebbero andare a vantaggio anche di Peugeot e Citroën.

Fiat e Jeep aiuteranno Peugeot e Citroen a crescere nel mercato brasiliano

Tavares ha sottolineato che non è intenzione di Stellantis chiudere le fabbriche o interrompere nessuno dei 14 marchi che oggi compongono il gruppo, comprese le operazioni in Mercosul, dove i veicoli di quattro marchi sono attualmente prodotti in cinque stabilimenti, tre in Brasile e due in Argentina. Il dirigente ha affermato che per ottenere il risparmio promesso di 5 miliardi di euro / anno con le sinergie, il percorso è “parsimonia e intelligenza umana”, con riduzione dei costi attraverso la cooperazione e la diluizione degli investimenti.

Uno di questi esempi di collaborazione ed economie di scala è la nuova linea di produzione di motori turbo che lo stesso Tavares ha inaugurato mercoledì 10, al Fiat Automotive Pole di Betim, MG. “Questa è l’ovvia sinergia: una fabbrica di motori può fornire veicoli di tutti i nostri marchi, aumentando così la produzione e risparmiando sull’acquisto di componenti in maggiore quantità. Ma ci sono tante altre opportunità”, ha sottolineato l’amministratore delegato.

“Se alcuni marchi stanno attualmente lottando per mancanza di investimenti, se per vari motivi Peugeot e Citroën potrebbero non aver avuto il successo che meritavano in Brasile, ora in Stellantis potremo investire in modo più efficiente e recuperare quelli rimasti fuori. Ma il capo di ogni regione ha l’autonomia di decidere come vuole operare nel suo territorio, sfruttando tutte le sinergie possibili”, spiega Carlos Tavares.

L’amministratore delegato di Stellantis ha sottolineato che il piano di sinergie già presentato da quello che definisce “il boss della regione”, Antonio Filosa, che era il presidente di FCA Latam e dopo la fusione è diventato il chief operating officer (COO) di Stellantis in Sud America, “È molto più ampio e ha una portata più ampia di quanto potessimo discutere a Torino o Parigi”.

Il successo di FCA è già raggiunto nella regione – prima con Fiat dalla fine degli anni ’70 e più recentemente con Jeep dopo l’inaugurazione del moderno stabilimento di Goiana (PE) nel 2015, che questa settimana ha raggiunto il traguardo di 1 milione di unità già prodotte, che opera al ritmo di mille auto al giorno e ciò è stato attribuito da Tavares all’indipendenza che l’azienda aveva per sviluppare e produrre i prodotti più adatti per i clienti in Brasile e Sud America.

“Abbiamo una struttura completa nel Mercosur, facciamo qui dal design delle auto, l’intero sviluppo, produzione, distribuzione e vendita – è una piccola Stellantis che opera nella regione. Quindi siamo in una posizione comoda per i prossimi anni qui, con team che hanno fatto un ottimo lavoro e un forte portafoglio di prodotti, con diversi lanci di veicoli (prodotti localmente) già programmati, tre solo quest’anno, che dovrebbero rafforzare la nostra leadership in questo mercato”, valuta Tavares.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share