Mercato

Fiat Chrysler si rivolge alla stampa 3D per le sue sospensioni

Un team di ingegneri di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha collaborato con i ricercatori del Fraunhofer Institute per progettare una parte delle sospensioni stampata in 3D per uno dei suoi veicoli sportivi. Sempre in fase di prototipazione, questo elemento, originariamente composto da 12 componenti separati, è stato realizzato in un unico pezzo, riducendo così i tempi di realizzazione ma anche il peso complessivo. Grazie alla produzione additiva, i team sono stati in grado di ridurla del 36%, migliorando così le prestazioni del veicolo finale. I ricercatori non hanno specificato su quale modello di auto potrebbe essere installata questa parte della sospensione.

La produzione additiva ha dimostrato per molti anni la sua utilità nel settore automobilistico, sia per lo sviluppo di nuovi veicoli che per l’ottimizzazione del design di alcuni pezzi di ricambio. Quasi tutte le case automobilistiche hanno investito in tecnologie 3D, credendo che rappresentino un metodo più agile di prototipazione e produzione. Oggi, il gruppo FCA riunisce una serie di marchi come Alfa Romeo, Jeep, Maserati e RAM, società controllate che hanno già mostrato il loro interesse per la produzione additiva.

Questa volta, la casa automobilistica ha cercato di ridurre il numero totale di componenti utilizzati per realizzare una parte della sospensione. Nel nostro caso parliamo di 12 componenti distinti tra cui in particolare un supporto ruota, un impianto idraulico, uno scudo termico e una pinza freno. È un articolo tradizionalmente complesso da produrre perché richiede molte fasi di assemblaggio con più giunti e viti. Ruben Meuth, responsabile dello sviluppo aziendale presso l’Istituto Fraunhofer, spiega: “L’obiettivo è ridurre i costi di produzione aumentando notevolmente la velocità di produzione. Questo progetto innovativo è un eccellente esempio di collaborazione tra industria e ricerca e mostra come la produzione additiva può essere implementata nella produzione in serie di auto di lusso e sportive “.

L’obiettivo principale era ridurre il più possibile le fasi di assemblaggio di questa parte della sospensione, un obiettivo ambizioso perché doveva soddisfare diversi requisiti. L’ingegnere di progettazione industriale del Fraunhofer Institute, Yanik Senkel, spiega: “ Abbiamo dovuto, insieme al team di progettazione del Gruppo FCA, riprogettare completamente le sospensioni delle ruote per ottenere una struttura bionica monopezzo che soddisfi tutte le funzioni del set precedente, che assorbe tutte le forze, che è ottimizzato in termini di peso e che può essere prodotto in modo additivo.

Ti potrebbe interessare: PSA e Fiat Chrysler propongono “rimedi” all’UE per potersi unire

Notizie Correlate
Mercato

Duello fuoristrada estremo: RAM 1500 TRX vs. Ford F-150 Raptor

Mercato

FCA Bank e I3P lanciano “DIGITAL FACTORY”

Mercato

Dodge Viper con quattro ruote posteriori lascia tutti a bocca aperta

Mercato

Cinque anni di FCA Heritage