Ferrari

La Ferrari spiega il calo di velocità

La Ferrari spiega il calo di velocità

Il team ha affermato di aver settato la SF90 a livelli di carico aerodinamico più elevati ad Austin rispetto a quanto fatto nelle ultime gare. Poiché la Ferrari è turbata dal fatto che la concorrenza stesse collegando la sua caduta di prestazioni sul dritto ad una direttiva tecnica emessa sui trucchi di flusso del carburante del motore fuorilegge della FIA, non si nasconde il fatto che le sue caratteristiche prestazionali fossero diverse ad Austin.

La Ferrari spiega che non ha alterato “nulla” sulla sua power unit: afferma che la novità era l’approccio del carico aerodinamico maggiorato a scapito della velocità di punta. Per tutta la stagione, la Ferrari ha corso con le ali più scariche rispetto ai suoi rivali per aumentare la sua velocità sui rettilinei, ma questo è stato a scapito delle curve – dove i rivali Mercedes e Red Bull hanno avuto il vantaggio. Il Team Principal della Ferrari Mattia Binotto ha spiegato quanto già detto.

Ferrari: intervista a Mattia Binotto

Alla domanda di Autosport di spiegare perché le tracce GPS mostrassero che le prestazioni della velocità in rettilineo non fossero così evidenti come nelle recenti gare, Binotto ha dichiarato: “È vero che non stavamo guadagnando sui rettilinei quanto le gare precedenti, ma abbiamo raggiunto le prestazioni dei nostri concorrenti in curva, almeno nelle qualifiche”.

Il compromesso tra limite di aderenza e limite di potenza è stato spostato questo fine settimana, come test dalla nostra parte, per cercare di migliorare l’aderenza in curva. Eravamo ancora competitivi nelle qualifiche, ma c’era qualcosa da capire in gara e dobbiamo capire cosa è meglio per le prossime gare in termini di setup“.

Un altro aspetto che deve essere preso in considerazione quando si analizzano le prestazioni di velocità della Ferrari durante il weekend di Austin è stato il fatto che Charles Leclerc utilizzava un motore Spec 2. A seguito di una perdita di olio che ha fermato Leclerc nelle FP3, la Ferrari ha scelto di riportarlo alla meno potente Power unit Spec 2 che era stata utilizzata dalle gare spagnole a quelle ungheresi. “Era leggermente in calo la prestazione. Questa era la seconda power unit e non la terza che abbiamo introdotto a Monza“.

Notizie Correlate
Ferrari

La versione più estrema della Ferrari 812 in dettaglio in nuove immagini

Ferrari

Vettel: In un certo senso, ho preso la mia decisione

Ferrari

Ferrari e McLaren si appellano contro la decisione della FIA su Racing Point

Ferrari

Il futuro di Sebastian Vettel in Formula 1 rimane in sospeso