Ferrari

Ferrari: ecco la SF1000, la monoposto 2020 di F1

Ferrari: ecco la SF1000, la monoposto 2020 di F1

Mentre la luce sbiadita proiettava una tonalità dorata sugli edifici in terracotta di Reggio Emilia, i piloti Ferrari Charles Leclerc e Sebastian Vettel firmavano autografi davanti al Teatro Romolo Valli. La gloriosa facciata dell’edificio era inondata di luce rossa, riflettendo il colore della macchina che stava per essere svelata all’interno. Un’ambientazione più serendipita per il debutto della macchina che porta le speranze di Leclerc, Vettel e un’intera nazione difficilmente poteva essere immaginata. Ma alla Ferrari ci vorrà molto di più del destino per essere all’altezza delle loro ambizioni e fermare la marcia di Lewis Hamilton verso il settimo titolo mondiale nel 2020.

Ferrari SF1000: le novità

Dopo tutto, l’auto alla prima impressione è sembrata una delusione, con una forte somiglianza con il design dello scorso anno, che è stato trovato mancante nella sua ricerca della Mercedes. Ma il caposquadra Mattia Binotto ha insistito sul fatto che le apparenze fossero ingannevoli. Ha riconosciuto la sua somiglianza estetica superficiale con l’auto del 2019, ma ha sottolineato: “Abbiamo estremizzato tutto ciò che abbiamo appreso“.

L’ala anteriore è stata forse una sorpresa, in quanto porta avanti la filosofia perseguita dalla Ferrari l’anno scorso. Questo è effettivamente l’approccio opposto di Mercedes nel modo in cui dirige il flusso d’aria sul resto dell’auto, e uno che è noto per limitare il carico aerodinamico assoluto. L’ala sull’auto della presentazione era vecchia, il design è terminato la scorsa stagione. Ma Binotto ha affermato che la filosofia fondamentale rimarrà.

Non cambieremo il progetto principale qualunque cosa testiamo“, ha detto Binotto. “Pensiamo che sia il concept giusto per noi. Abbiamo migliorato molto il carico aerodinamico. Se guardi le palette rotanti [i formatori aerodinamici accanto all’abitacolo] c’è un’elevata complessità. L’auto più sottile fa funzionare meglio il diffusore [posteriore] e il carico aerodinamico complessivo è sicuramente aumentato”.

Nella parte posteriore sono stati trovati i cambiamenti più ovvi. Qui, è stato svolto molto lavoro per aprire il flusso d’aria nella ricerca “per la prima prestazione aerodinamica massima, cercando di massimizzare il livello di carico aerodinamico“, ha detto Binotto. La sospensione posteriore è stata completamente rielaborata e la parte posteriore della carrozzeria dell’abitacolo si è ridotta il più possibile, in uno stile che ricorda la Red Bull, che molti sentivano alla fine dell’anno scorso era forse il miglior telaio della griglia.

 

Notizie Correlate
Ferrari

Vettel: "Mi aspetto dei passi in avanti quest'anno"

Ferrari

Camilleri ha sottolineato che la missione della Ferrari nel 2020 è vincere

Ferrari

Brawn: "Schumacher e Hamilton entrambi di grande talento"

Ferrari

"Leclerc è il miglior pilota non appartenente alla Red Bull Academy"