Ferrari influenzata dalla Formula E per il futuro
Ferrari influenzata dalla Formula E per il futuro

La sesta stagione della Formula E vedrà Porsche e Mercedes unirsi alla mischia, seguendo i passi di Audi, BMW, Jaguar e Nissan, che sono stati tutti attratti dalla serie, lanciata per la prima volta nel 2014, con le sue credenziali ecologiche e il crescente spostamento verso le auto elettriche mentre più città si preparano a vietare il motore a combustione interna. Con sede a Londra, il maggiore azionista della Formula E è Liberty Global, che, sebbene una società totalmente separata dal proprietario della F1 Liberty Media, è anche guidata dal magnate delle telecomunicazioni John Malone. Sebbene uno dei protagonisti del campionato del mondo di Formula 1, dopo aver disputato tutte le 16.101 gare disputate fino ad oggi, la Ferrari non deve ancora essere convinta dalla Formula E, il che non sorprende se si considera lo status iconico dell’abito Maranello come costruttore di motori.

E mentre il pubblico televisivo globale di F1 di 490,2 milioni è significativamente più grande dei 330 milioni che si sono sintonizzati sulla Formula E l’anno scorso, e i 4,1 milioni di spettatori che hanno partecipato al Gran Premio di F1 contro i 476.000 che sono passati attraverso i tornelli per la serie completamente elettrica, Ferrari vede il nuovo arrivato come una minaccia.

Nel suo ultimo rapporto annuale, la società Maranello ammette che “la nostra quota di profitti relativi alle attività di Formula 1 potrebbe diminuire se le prestazioni del nostro team peggiorano rispetto ad altri team concorrenti, o se il business complessivo della Formula 1 soffre, anche potenzialmente a causa di crescente popolarità del campionato FIA di Formula E “.

Ferrari e Formula E: legame senza partecipazione

È interessante notare che questa è la prima volta che la Ferrari ha menzionato una possibile minaccia dalla Formula E da quando è stata quotata alla Borsa di New York nel 2015, inoltre, la società italiana non identifica altre serie di corse come una potenziale minaccia alla F1. All’inizio di quest’anno, l’amministratore delegato della Formula E, Alejandro Agag, ha ammesso di volere la Ferrari a bordo. “Vorremmo che la Ferrari venisse“, ha detto alla NBC, “specialmente con Porsche e tutti gli altri qui, sarebbe una grande battaglia. Li ho invitati“, ha rivelato, “ma finora non ci sono notizie da quella parte. Non ho sentito nulla da loro, nemmeno un interesse”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here