Ferrari

Coronavirus: quarantena in Vietnam potrebbe creare problemi alla Ferrari

Ferrari

L’Ente per il turismo del Vietnam afferma oggi: “Tutti i viaggiatori che entrano in Vietnam da Cina, Corea del Sud, Italia e Iran devono effettuare dichiarazioni mediche e quarantena medica di 14 giorni prima di entrare nel paese“. La notizia, sebbene non del tutto inaspettata, interesserà non solo la Ferrari, ma AlphaTauri e i team di clienti del gruppo Maranello Alfa Romeo e Haas.

Mentre gli pneumatici Pirelli sono fabbricati in Romania e Turchia, molti membri del personale di F1 della società milanese hanno sede in Italia. Mentre oggi i funzionari australiani hanno insistito sul fatto che la gara di Melbourne si terrà, nel fine settimana è stato annunciato che i due round di apertura della serie MotoGP in Qatar e Thailandia sono stati annullati (Qatar) e posticipati (Thailandia) a causa del Coronavirus.

Ferrari: quali saranno i problemi?

Il capo del team Ferrari, Mattia Binotto, ha rivelato che il suo team ha cercato la “sicurezza prima di partire”. “Non credo che possiamo scoprire quando arrivano le squadre cosa può essere o quale sarà la situazione“, ha detto. “Quindi, se ci sono screening medici, dobbiamo conoscerli. Devi sapere esattamente di cosa si tratta. Dobbiamo capire quali sono le conseguenze in caso di problemi“.

Secondo quanto riferito, la direzione della F1 ha risposto con una lettera a tutte le squadre dicendo che “coloro che viaggiano (in Bahrein) dall’Italia saranno soggetti a restrizioni di viaggio. All’arrivo tali persone saranno accolte da una squadra dedicata che li accompagnerà a un lounge appositamente creato, in cui un team di medici farà i dovuti test in un processo che richiede circa tre ore“.

Si ritiene che la lettera affermi che le autorità australiane controllerebbero anche quelle provenienti dai paesi colpiti, mentre le prospettive in Vietnam sono state più positive in quanto non vi sono stati nuovi casi nel paese per 10 giorni. Tuttavia, questo era prima dell’aggiornamento di oggi dell’Ente per il turismo del Vietnam.

Se la Ferrari e AlphaTauri non sono in grado di contestare la gara del Vietnam, potrebbe comunque andare avanti, poiché i documenti dell’azienda affermano che la F1 “deve procurarsi almeno 16 auto partecipino al campionato mondiale“.

Secondo Forbes, i documenti di F1 aggiungono che i suoi “contratti di trasmissione includono un accantonamento per ridurre la tassa pagabile alla Formula 1 se ci sono meno di 15 eventi in una stagione per motivi diversi da un evento di forza maggiore“. Il coronavirus è considerato dagli avvocati una causa di forza maggiore, quindi la F1 potrebbe essere in chiaro con le emittenti se ci fossero meno di 15 gare. Tuttavia, in termini di sponsor e possessori di biglietti per le hospitality, i documenti dell’azienda indicano che “se un evento non viene organizzato, cancellato o non riceve copertura televisiva internazionale (ad esempio a causa di un problema tecnico), le commissioni di Formula 1 ai sensi della pubblicità pertinente e il contratto di sponsorizzazione sarà probabilmente ridotto a meno che il contratto di pubblicità e sponsorizzazione consenta alla Formula 1 di sostituire un altro Evento con l’Evento annullato. Se un evento viene annullato, la Formula 1 sarà inoltre tenuta a rimborsare gli importi pagati in base ad altri accordi, compresi gli importi pagati per i biglietti per il Paddock Club, la principale offerta di ospitalità aziendale di fascia alta in determinati fine settimana di eventi“.

 

Notizie Correlate
Ferrari

Norris, sorpreso dalla partenza di Sainz per la Ferrari: "Nessuno se lo aspettava"

Ferrari

Alesi: "È bello che Vettel lasci la Ferrari, la sua reputazione era in pericolo"

Ferrari

Webber: "Penso che Vettel si prenderà un anno libero"

Ferrari

Surer: "La Ferrari ha contraffatto il concetto della Red Bull"