Ferrari

Binotto: “Il secondo posto non è mai abbastanza. Ci aspetta un inverno intenso”

Binotto: "Il secondo posto non è mai abbastanza. Ci aspetta un inverno intenso"

Mentre il Team Principal della Ferrari Mattia Binotto riflette sugli alti e bassi provati nel 2019, ha ricordato al produttore italiano “il secondo posto non sarà mai abbastanza buono” e si prepara per un inverno intenso per lanciare un attacco al titolo di Formula 1 2020. Dopo un drammatico esito nel Gran Premio del Brasile, quando Sebastian Vettel e Charles Leclerc si sono scontrati in pista, la Ferrari si è comunque assicurata il secondo posto nel campionato dei costruttori mondiali di F1.

Nonostante abbia goduto della forma dopo la pausa estiva, che ha incluso tre vittorie, quattro podi e sei pole position consecutive, Binotto accetta che la Ferrari sia stata sottotono quest’anno.

Le parole di Binotto

Naturalmente finire secondo non sarà mai abbastanza buono per la Ferrari e ci aspetterà un inverno molto intenso per continuare a migliorare come gruppo. L’obiettivo è tornare più forti per essere all’altezza delle sfide che ci attendono ”, ha detto Binotto. “Mentre la stagione volge al termine, vorrei ringraziare i nostri tifosi di tutto il mondo per il loro supporto che ci hanno mostrato tutto l’anno. Questo fine settimana, proveremo a dare loro il miglior risultato possibile con il quale concludere la stagione. Abu Dhabi è l’ultima gara di quella che è stata una lunga stagione per tutti. Per noi della Scuderia Ferrari, è stato un anno di nuovi inizi, con i membri del team che hanno assunto nuovi ruoli e Charles nel suo primo anno con noi e il nostro obiettivo era quello di costruire le basi per il futuro”.

Binotto è stato orgoglioso della reazione della Ferrari a un lento inizio della stagione di F1, quando ha sofferto di problemi con la macchina insieme ai problemi meccanici e agli errori dei piloti. La Ferrari ha ottenuto solo tre podi nelle prime cinque gare, mentre la Mercedes ha dominato per cinque volte segnando diverse doppiette.

Naturalmente ci sono stati alti e bassi: la prima parte della stagione non è andata come volevamo, ma apprezzo il modo in cui ci siamo rialzati tutti insieme, rimboccandoci le maniche e combattendo“, ha detto. “Particolarmente degno di nota è stato il modo in cui abbiamo reagito dopo la pausa estiva, con tre vittorie consecutive di fila e una serie di sei pole position consecutive, nonché la nostra vittoria a Monza, pochi giorni dopo l’incredibile celebrazione dei 90 anni della Scuderia , a Milano, di fronte a una grande folla“.

Notizie Correlate
Ferrari

Ferrari: il 2019, per fortuna, volge al termine

Ferrari

Ferrari Roma: l'unione dello stile con la capitale italiana

Ferrari

Hulkenberg: "Leclerc è un bastardo fortunato"

Ferrari

Ferrari: "Il tutto è stato completamente chiarito"