Mattia Binotto
Mattia Binotto

La Ferrari ha finalmente vinto le sue prime gare della stagione a Spa e Monza grazie a Charles Leclerc, ma il boss della Ferrari Mattia Binotto non vuole fermarsi qui. Tuttavia, l’italiano ha ammesso che i lunghi rettilinei sui due circuiti hanno sicuramente giovato alla squadra. Charles Leclerc ha vinto entrambe le prime due gare dopo la pausa estiva, ottenendo entrambe le vittorie dalla pole position. In questa maniera il giovane monegasco è salito al quarto posto nel campionato piloti.

Mattia Binotto è contento delle vittorie ma sa che la Ferrari non sempre potrà lottare per la vittoria

Sono state le prime vittorie della Ferrari in questa stagione, dopo aver sopportato un momento difficile nelle prime 12 gare. In un’intervista con Autosport, Binotto ha detto che sapeva che la Ferrari sarebbe stata competitiva in Italia e Belgio e ha identificato il perché.

“Sapevamo che questi due circuiti erano luoghi in cui saremmo stati competitivi”, ha detto Binotto. “Non era una garanzia, ma trarre vantaggio dalla velocità e avere rettilinei in pista, questo è stato importante per noi. Il fatto che siamo stati in grado di usare i nostri punti di forza in questi due Gran Premi, ci rende naturalmente felici.”

L’italiano ha continuato ad ammettere che si aspetta di essere competitivo in diverse gare, ma è stato onesto per quanto riguarda i limiti del suo team. “Cosa possiamo aspettarci per le prossime gare? Penso che possiamo essere bravi quanto nella prima parte della stagione. È importante non gettare via alcuna opzione come abbiamo fatto allora. Avremo gare come in Bahrain e in Canada, dove potremmo ancora andare bene.

Ma ci saranno anche Gran Premi dove i punti deboli della nostra auto ci impediranno di lottare per la P1. È difficile dire quali siano “. “La cosa più importante è che stiamo ancora sviluppando l’auto e la stiamo conoscendo meglio. Per offrire ai nostri piloti le migliori opzioni possibili. “