Alfa Romeo rende omaggio alle donne pilota della sua storia

In occasione della Giornata internazionale della donna Alfa Romeo si congratula con i suoi piloti donne come omaggio a tutte le donne
Alfa Romeo
Alfa Romeo

In occasione della Giornata internazionale della donna Alfa Romeo si congratula con i suoi piloti donne come omaggio a tutte le donne. Ricostruiamo la storia del loro contributo al successo del marchio Alfa Romeo, con un breve riepilogo che, in tipico stile social media, inizia oggi e risale ai primi del Novecento.

Tatiana Calderon

Nata nel 1993 a Bogotá, in Colombia, Calderón ha mosso i suoi primi passi nel motorsport nel 2005, vincendo un Campionato Nazionale nella categoria Easy Kart Pre-Junior. Solo tre anni dopo, sarebbe diventata la prima donna a vincere la classe JICA della East Division of the Stars of Karting Championship negli Stati Uniti. Nel 2017, Calderón è diventata un pilota di sviluppo per il team Sauber di Formula 1. Un anno dopo, Sauber ha elevato lo status di Calderón da pilota di sviluppo di F1 a collaudatore di F1 per l’Alfa Romeo Racing.

Tamara Vidali

Nel 1992 Vidali vinse il Campionato Italiano Turismo (Gruppo N) al volante di un’Alfa Romeo 33 1.7 Quadrifoglio Verde, preparata dal reparto Competizioni che era stato creato poco prima dal marchio. Indimenticabile la livrea completamente gialla di quella dell’Alfa Romeo 155 che guidò nel Campionato Italiano Supertourism (CIS) nel 1994.

Maria Grazia Lombardi e Anna Cambiaghi

Dopo Maria Teresa de Filippis negli anni Cinquanta, la seconda donna italiana a partecipare a una gara di Formula 1, fino a 13 Gran Premi, fu Maria Grazia Lombardi, detta “Lella”. Tra il 1982 e il 1984 ha partecipato al Campionato Europeo Turismo con l’Alfa Romeo GTV6 2.5 al fianco di Anna Cambiaghi, Giancarlo Naddeo, Giorgio Francia e Rinaldo Drovandi, e ha contribuito a portare a casa più titoli. Rimane l’unica pilota automobilistica italiana a segnare punti in una gara di Formula 1.

Christine Beckers e Liane Engeman

Gli anni Sessanta sono gli anni dell’Alfa Romeo Giulia Sprint GTA. I suoi risultati, le vittorie e l’importanza nella storia dell’Alfa Romeo sono ben noti, ma i risultati dell’Alfa Romeo GTA-SA (sovralimentata) lo sono meno. Sono state preparate dieci unità per il Gruppo 5, dotato di due compressori centrifughi ad azionamento idraulico che aumentavano la potenza a 220 CV con una velocità massima di 240 km / h (149 mph). Ha raggiunto le massime prestazioni, ma come ha spiegato lo storico collaudatore Autodelta Teodoro Zeccoli, la GTA-SA ha avuto “un imprevedibile aumento di potenza che interviene all’improvviso senza preavviso, rendendo la SA un veicolo imprevedibile, difficile da controllare in curva o in svolta. . Una persona che sapeva come controllare questo veicolo irascibile meglio di chiunque altro era la giovane pilota belga Christine Beckers,

Tuttavia, Beckers non è stato l’unico pilota a distinguersi nella GTA. Con l’Alfa Romeo 1300 Junior del team Toine Hezemans, la velocissima pilota olandese Liane Engeman, successivamente scelta dall’Alfa Romeo come modello, si è conquistata un ruolo di rilievo.

Susanna “Susy” Raganelli

Forse l’unica donna ad aver vinto un Campionato del Mondo su quattro ruote è stata Susanna “Susy” Raganelli, di origine romana, che nel 1966 vinse il Campionato del Mondo 100cc Kart, sconfiggendo Leif Engstrom e il grande Ronnie Peterson. Raganelli legò per sempre il suo nome all’Alfa Romeo quando terminò la sua carriera al volante di un’Alfa Romeo GTA, ma fu anche il primo acquirente italiano di una delle 12 unità prodotte della leggendaria Alfa Romeo 33 Stradale del 1967.

Ada Pace («Sayonara» )

Negli anni Cinquanta un altro pilota ottenne ottimi risultati al volante di diverse Alfa Romeo: Ada Pace, nata a Torino. Nel corso della sua decennale carriera, Pace ha vinto fino a undici gare nazionali di velocità, sei nella categoria Touring e cinque nella categoria Sport. Partecipava quasi sempre alle gare con lo pseudonimo di ‘Sayonara’, sulla base del testo beffardo che era solito usare sulla sua targa posteriore, e ottenne i suoi principali successi con l’Alfa Romeo Giulietta Sprint Veloce e l’Alfa Romeo Giulietta SZ, con cui vinse persino la Trieste-Opicina del 1958.

Odette Siko

Negli anni ’30 l’Alfa Romeo si afferma tra le principali protagoniste del motorsport, grazie a vetture straordinarie, ma anche a piloti entrati a far parte del mito: sono gli anni di Nuvolari, Varzi, Caracciola e Sommer. Quest’ultimo vinse la 24 Ore di Le Mans nel 1932 al volante di un’Alfa Romeo 8C 2300, ma l’affascinante Alfa Romeo 6C 1750 SS di Odette Siko arrivò quarta assoluta e vinse la classe 2.0 litri. Questa giovane donna parigina è diventata rapidamente una delle stelle delle corse, mostrando la sua eleganza sia nel paddock che nei risultati agonistici, spesso in compagnia di un altro pilota francese, il cui destino ha anche incrociato in più occasioni la strada dell’Alfa Romeo: Hellè Nice .

Hellè Nice

Modella, acrobata e ballerina Mariette Hèlène Delangle, ha adottato il nome d’arte Hellè-Nice. Conosciuta per la sua personalità estroversa, Nice era molto amica dei Rothschild e della Bugatti. Ha corso in Europa e in America ed è diventata uno dei primi piloti a mostrare i segni dei suoi sponsor sul corpo di un’auto da corsa. Corse nel Gran Premio d’Italia 1933 a Monza con la sua 8C 2300 Monza, la tragica gara in cui persero la vita Campari, Borzacchini e Czaikowski. Nel 1936 vinse la Ladies Cup a Monte Carlo e partecipò al Gran Premio di San Paolo in Brasile, dove ebbe un terribile incidente dal quale si riprese miracolosamente dopo tre giorni in coma.

Anna Maria Peduzzi

Gli anni della Scuderia Ferrari hanno scritto un capitolo fondamentale nella storia dell’Alfa Romeo. Tra i piloti del «Cavallino Rampante» c’era Anna Maria Peduzzi, nata a Como, moglie del pilota Franco Comotti, soprannominato il «marocchino». Dopo il debutto a bordo della sua Alfa Romeo 6C 1500 Super Sport, acquistata dallo stesso Ferrari, Peduzzi correva quasi sempre da sola e saltuariamente con il marito. Nel 1934 vinse la Classe 1500 alla Mille Miglia e, nel dopoguerra, corse con l’Alfa Romeo 1900 Sprint e l’Alfa Romeo Giulietta.

Maria Antonietta d’Avanzo

Dopo la fine della prima guerra mondiale, la baronessa Maria Antonietta d’Avanzo fece il suo debutto in Alfa Romeo. Pioniera del motorsport italiano, aviatore e giornalista, d’Avanzo si classificò al terzo posto su un’Alfa Romeo G1 sul circuito di Brescia nel 1921, dimostrando il suo valore in molte competizioni come formidabile avversaria per i migliori piloti dell’epoca. Enzo Ferrari. La baronessa d’Avanzo ha corso fino agli anni Quaranta in una varietà di veicoli e gare, e in ogni angolo del pianeta.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
0
Share