News

Alfa Romeo Giulia e Stelvio: arriva una brutta notizia da Cassino

Alfa Romeo Giulia e Stelvio

Dallo stabilimento Fiat Chrysler di Cassino arriva una brutta notizia per Alfa Romeo Giulia e Stelvio. A causa del calo della domanda infatti arriva l’ennesimo stop alla produzione per le due più recenti vetture della casa automobilistica del Biscione. Senza fare ricorso alla cassa integrazione, la società ha comunicato lo stop per 3 giorni alla produzione delle due vetture nel prossimo mese di marzo. Esattamente le giornate di fermo produttivo avverranno il 5, il 27 e il 28 marzo.

Per il momento sembrerebbe che lo stop non venga esteso alla produzione di Alfa Romeo Giulietta che dunque anche in quei giorni dovrebbe venire realizzata a Cassino. Lo stop alla produzione di Alfa Romeo Giulia e Stelvio sta creando non poche polemiche tra sindacati e lavoratori. Non piace la decisione del gruppo italo americano di non ricorrere alla cassa integrazione ma bensì al “par” collettivo (permesso annuo retribuito). Donato Gatti, segretario della Fiom-Cgil, si è detto fortemente contrario a questa decisione. Il sindacalista ha dichiarato: “Non si possono usare i permessi dei lavoratori per far fronte alla crisi”.

Il calo della domanda per Alfa Romeo Giulia e Stelvio oltre a quello relativo a Giulietta ha fatto si che la produzione dello stabilimento negli ultimi mesi venisse interrotta diverse volte. Stop alla produzione a Cassino si sono registrati a novembre, dicembre, gennaio e febbraio. Nel 2018 la produzione di auto a Cassino è calata del 26% rispetto al 2017 e si teme che nel 2019 le cose possano andare anche peggio. Questo in attesa dell’inizio della produzione delle versioni ibride di Giulia e Stelvio e del nuovo suv compatto di Maserati che arriveranno nei prossimi anni.

Alfa Romeo Cassino

Notizie Correlate
News

Alfa Romeo GTV e 8C cancellate?

News

Alfa Romeo B-Suv: ecco cosa sappiamo

News

Alfa Romeo: ecco cosa avverrà da qui al 2022

News

Alfa Romeo lancia la nuova offensiva con le rinnovate Giulia e Stelvio, ecco le novità