Alfa Romeo: i 10 modelli che mostrano al meglio lo stile del Biscione

Alfa Romeo: i 10 modelli che mostrano al meglio lo stile del Biscione
Alfa Romeo: i 10 modelli che mostrano al meglio lo stile del Biscione

Quando si tratta di case automobilistiche ad alte prestazioni, l’Alfa Romeo diventa un po’ dura. Hanno un sacco di fan accaniti, ma sono anche il bersaglio delle battute di molti appassionati di auto. Principalmente quelle battute sono incentrate sull‘affidabilità percepita del marchio, e beh, per essere onesti, l’Alfa non si è aiutata con quello. Sì, ci sono alcuni modelli che sono notoriamente inaffidabili o potrebbero avere una qualità costruttiva discutibile. Ma ciò non dovrebbe sminuire l’appeal del marchio.

Infatti, tra le tante, Alfa ha realizzato alcune vetture assolutamente incredibili che spesso non ottengono il riconoscimento che meritano. Hanno realizzato veicoli da corsa di grande successo, supercar straordinarie e station wagon scattanti e straordinarie. Senza contare che, rispetto alle rivali tedesche, ci sono delle vere occasioni sul mercato dell’usato. Con questo in mente, diamo un’occhiata a dieci modelli che dimostrano che le Alfa Romeo meritano più rispetto di quanto non ottengano.

Le 10 Alfa Romeo più rappresentative del marchio

Partendo da una voce ovvia, la 8C non ha bisogno di ulteriori presentazioni. Qualsiasi appassionato di auto che non si nascondeva sotto una roccia per la fine degli anni ’00 sarà ben consapevole dell’auto, con il suo aspetto da spezzare il collo e la melodia di scarico possente.

L’auto ospitava un V8 da 4,7 litri costruito dalla Ferrari, in grado di erogare 444 CV. Questo è stato abbinato a un manuale automatizzato a sei velocità, per un’esperienza di guida ottimale. Chiunque voglia metterne le mani su una oggi ha le tasche profonde, poiché esse vengono vendute ben oltre il loro prezzo di listino originale 250 mila euro.

Poi troviamo l’Alfa Montreal. È probabilmente una delle auto più belle della sua epoca, riuscendo a racchiudere tutto ciò che i collezionisti amano delle vecchie auto italiane. È stata originariamente costruita come concept car, ma la sua accoglienza è stata così grande che Alfa finì per realizzare una produzione di 4.000 unità.

È facile capire perché è così popolare: oltre ad avere un bell’aspetto, è anche veloce per i suoi tempi. Nel caso qualcuno si chiedesse del suo nome insolito, è copiato dal nome della concept car originale che è stata costruita per celebrare il 100° anniversario della nazione canadese.

La casa di design italiana Zagato è stata responsabile di molti veicoli dall’aspetto folle nel corso degli anni, ma la SZ è sicuramente una delle loro più divisive. Alcuni appassionati adoreranno le sue linee spigolose e le proporzioni strane e schiacciate, e altri penseranno che abbia un aspetto orribile.

Tuttavia, è una testimonianza del fatto che l’Alfa non ha mai avuto paura di mettere in produzione auto insolite, anche quando il business case per loro non è stato così solido. È una strategia che non è mai andata molto bene per i profitti dell’azienda, ma ha portato ad alcune delle auto più belle e dall’aspetto bizzarro degli ultimi tempi.

Ci sono così tante cose da apprezzare nel segmento delle berline hatchback: sono piccole, divertenti e mantengono ancora abbastanza praticità per essere guidate quotidianamente. Tutti conoscono i reali delle berline come la Honda Civic Type R e la Golf GTI, ma meno ricordano l’Alfa 147 GTA.

È un peccato, poiché era un’auto veramente buona che poteva competere con tutto ciò che i suoi concorrenti avevano da offrire in quel momento. Non era l’auto con la migliore maneggevolezza dell’epoca, ma era tra le più potenti. I collezionisti stanno recentemente iniziando a rendersi conto del suo valore, il che significa che i prezzi sono in costante aumento.

Una seria rivale dell’M3, è la Giulia QV, un’auto spaventosa. Ha ricevuto recensioni generalmente positive dalla stampa e dai proprietari, con i suoi 510 CV che sono un grande punto di forza.

Ci sono state alcune prime segnalazioni di problemi di controllo della qualità ma statisticamente, la QV non è meno affidabile di un M3 o RS4. Tutto sommato, è una meraviglia, ma è probabilmente a causa dello stereotipo persistente che è un’Alfa Romeo, quindi potrebbe cadere a pezzi. La Giulia dimostra che non è più così.

L’Alfasud è stato uno dei modelli di maggior successo del marchio, e ha venduto circa un milione di esemplari tra il 1971 e il 1989. Ha dimostrato che l’Alfa Romeo poteva realizzare un modello per il mercato di massa che aveva un fascino diffuso.

La Stelvio non è l’auto più eccitante o rara che Alfa Romeo abbia mai realizzato, ma è ampiamente considerata un modello molto importante per il futuro del marchio. Il segmento dei SUV è più caldo che mai, il che significa che i tradizionali segmenti berlina e berlina su cui Alfa si è concentrata stanno perdendo quote di mercato.

La Stelvio è stata generalmente accolta molto bene e sta facendo il suo lavoro di venditore principale per il marchio. È rassicurante per gli appassionati che Alfa possa adattarsi alle tendenze attuali, anche se il pensiero di un SUV ad alte prestazioni disgusta alcuni puristi della vecchia scuola.

Uno dei veicoli più pazzi dell’Alfa Romeo di sempre, la 155 Q4 è legata alla Lancia Delta Integrale. Per chi non lo sapesse, la Delta è l’auto da rally di maggior successo di sempre. Con quel tipo di linea, la Q4 sarebbe stata sempre fantastica. È essenzialmente una versione stradale dell’auto da corsa 155. Il suo motore 2.0 litri produce 190 CV, che per gli standard odierni non sono molti, ma negli anni ’90 era davvero impressionante.

Gli appassionati tendono ad avere opinioni molto contrastanti sulla Brera. Alcuni la vedono come un’auto in gran parte deludente con maneggevolezza rigida. Tuttavia, i pochi che hanno guidato il modello successivo S Prodrive potrebbero avere una visione diversa.

Prodrive è uno specialista di rally britannico, che ha trascorso decenni a mettere a punto sospensioni e molti altri componenti. Non sorprende che abbiano fatto un ottimo lavoro con la Brera, trasformandola in un’auto in grado di competere con le sue rivali tedesche.

La prima e principale cosa da notare sulla Giulia Sprint GTA è il suo aspetto. È probabilmente l’auto classica più tipicamente italiana. Ma la differenza è che una GTA non costerà neanche lontanamente i soldi della Ferrari, o almeno fino ad ora. È anche un’ottima base per alcuni miglioramenti, se il proprietario lo vuole.

Molti vecchi proprietari della Giulia montano roll bar e finiture da corsa d’epoca per completare davvero il classico look da auto da corsa.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

AlfaVirtualClub.it è stato selezionato da Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie premi sulla stellina in alto sull'app di Google NewsCI TROVI QUI

Articoli Suggeriti

Total
1
Share