risoluzione Agenzia Entrate n. 112/E

Spazio per richieste sull'affiliazione, presentazione vetture da parte degli affiliati e temi inerenti il RIAR

Moderatore: Moderatori

risoluzione Agenzia Entrate n. 112/E

Messaggioda falconero79 » 14/12/2011, 17:34

a fine novembre è uscita questa risoluzione..
da qui capisco che tutte le auto tra i venti e trent'anni devono essere in una lista chiusa emanata solo dall'ASI per non pagare il bollo e che in tale lista dovrebbero entrare solo particolari vetture...
ho capito giusto?
Risoluzione__112E-2011.pdf
(54.21 KiB) Scaricato 402 volte
Alfa GT - 3.2 V6 24v 2007 - Nero Kyalami...Sconsigliata ai deboli di cuore... Omologata R.I.A.R.
Alfa 75 - 1.6 carburatori 1986 - Bianco Argento ASI, Omologata R.I.A.R.
Alfa Giulietta 940 - 1.6 jtdm 2010 - Rosso Alfa ...il muletto di casa...
Piaggio Vespa - LX150 touring 2010 - Terra di Toscana
Alfa Romeo 2.0 V6 TB - arrivato
Avatar utente
falconero79
Direttivo
 
Messaggi: 17007
Iscritto il: 06/10/2004, 18:49
Località: ITALIA

Messaggioda Anakin » 14/12/2011, 17:42

da quello che ho capito io si, ho provato a cercare la determina dell'asi recante l'elenco, ma non ho ancora trovato niente
quando trovo qualcosa metto il link
ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine
Alfa 147 - 3 porte - 1.9 JTDm 120 cv - TI - Rosso Alfa
Kawasaki Z750, ex Punto 55 s - 5 porte - 1.1 55 cv - Rossa
Avatar utente
Anakin
Alfista TOP
 
Messaggi: 4231
Iscritto il: 28/01/2011, 21:00
Località: Borgo San Dalmazzo (CN)

Messaggioda Anakin » 14/12/2011, 17:53

ho trovato questo, spero sia quello giusto

http://www.asifed.it/template_pagine/pg_01.asp?idct=540&idlv=40

sembra rispecchiare quello che dice la risoluzione dell'agenzia delle entrate:
In assenza di specifica individuazione dei veicoli nelle suddette
determinazioni, il contribuente potrà documentare con un’attestazione rilasciata
dall’ASI o dalla FMI che il proprio veicolo ultraventennale è considerato di
“particolare interesse storico e collezionistico” in quanto possiede i requisiti
prescritti dalla norma agevolativa (articolo 63, comma 2, lettere a, b e c).
ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine
Alfa 147 - 3 porte - 1.9 JTDm 120 cv - TI - Rosso Alfa
Kawasaki Z750, ex Punto 55 s - 5 porte - 1.1 55 cv - Rossa
Avatar utente
Anakin
Alfista TOP
 
Messaggi: 4231
Iscritto il: 28/01/2011, 21:00
Località: Borgo San Dalmazzo (CN)

Messaggioda falconero79 » 14/12/2011, 18:12

Anakin ha scritto:ho trovato questo, spero sia quello giusto

http://www.asifed.it/template_pagine/pg_01.asp?idct=540&idlv=40

sembra rispecchiare quello che dice la risoluzione dell'agenzia delle entrate:
In assenza di specifica individuazione dei veicoli nelle suddette
determinazioni, il contribuente potrà documentare con un’attestazione rilasciata
dall’ASI o dalla FMI che il proprio veicolo ultraventennale è considerato di
“particolare interesse storico e collezionistico” in quanto possiede i requisiti
prescritti dalla norma agevolativa (articolo 63, comma 2, lettere a, b e c).


avevo letto infatti l'ultima parte, in pratica non cambia nulla?
Alfa GT - 3.2 V6 24v 2007 - Nero Kyalami...Sconsigliata ai deboli di cuore... Omologata R.I.A.R.
Alfa 75 - 1.6 carburatori 1986 - Bianco Argento ASI, Omologata R.I.A.R.
Alfa Giulietta 940 - 1.6 jtdm 2010 - Rosso Alfa ...il muletto di casa...
Piaggio Vespa - LX150 touring 2010 - Terra di Toscana
Alfa Romeo 2.0 V6 TB - arrivato
Avatar utente
falconero79
Direttivo
 
Messaggi: 17007
Iscritto il: 06/10/2004, 18:49
Località: ITALIA

Messaggioda Anakin » 14/12/2011, 18:16

sembra di no
quindi se io compro un'auto ultraventennale devo ottenere il certificato asi per pagare il bollo ridotto, giusto?
ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine
Alfa 147 - 3 porte - 1.9 JTDm 120 cv - TI - Rosso Alfa
Kawasaki Z750, ex Punto 55 s - 5 porte - 1.1 55 cv - Rossa
Avatar utente
Anakin
Alfista TOP
 
Messaggi: 4231
Iscritto il: 28/01/2011, 21:00
Località: Borgo San Dalmazzo (CN)

Messaggioda Diabolik » 14/12/2011, 18:17

mi sembra che il parere riguardi solo le regioni a statuto speciale
GT "bel canto", 18" a raggi, rosso met., pelle cuoio, xenon, sensori park, P0
L.A.A.A. socio n°24 - tracce di sangue nella circolazione alcolica !! CATTIVIK for president !!
anche: GT i-Drive Team Issue, in poche parole 100% GT nel sangue - socio L.A.C. n°1
la potenza logora... le gomme :asd)
Piola IngegnIering Fun Club membro n. 23 - Peso diviso Chilogrammi più zerocento eddddiviiisooooduuueeeeeeee!
Avatar utente
Diabolik
Moderatore
 
Messaggi: 10681
Iscritto il: 25/01/2005, 19:29
Località: Monza
Status: bastardo dentro

Messaggioda Anakin » 14/12/2011, 18:20

da quello che ho capito io vale per tutte le regioni
ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine
Alfa 147 - 3 porte - 1.9 JTDm 120 cv - TI - Rosso Alfa
Kawasaki Z750, ex Punto 55 s - 5 porte - 1.1 55 cv - Rossa
Avatar utente
Anakin
Alfista TOP
 
Messaggi: 4231
Iscritto il: 28/01/2011, 21:00
Località: Borgo San Dalmazzo (CN)

Messaggioda Il FUSI » 28/12/2011, 11:20

Bisogna fare un certo distinguo e "capire" sia il linguaggio burocratico che aver chiara come in Italia la legislazione viaggi a compartimenti stagni.
L'Agenzia delle Entrate dice che può essere ritenuta competente, per gli interpelli, solo per le Regioni a Statuto Speciale. Per cui si esprime sull'argomento, con propria risoluzione, per questo caso che è di sua competenza.
Significa che per i casi NON di sua competenza esisteranno altri Enti che si pronunceranno in tal senso. La risoluzione dell'agenzia delle entrate deve quindi ritenersi applicabile laddove l'Agenzia ha "giurisdizione" in materia di interpelli, ergo Valle d'Aosta, Friuli, Trentino, Sardegna e Sicilia.
Nulla vieta che, un domani, il contribuente di una Regione "normale" che si rivolge all'Ente preposto e competente si senta dare la stessa risposta, ma non è automatico. Quindi al momento io considererei valida tale risoluzione SOLO per le Regioni a statuto speciale.
L'interpello, ineccepibile nella sua logica e che ripercorre analogo fatto dall'Ag. Entrate del Lazio oramai circa 9 anni fa, non fornisce poi una vera e propria pietra tombale su una questione che gira da UNDICI ANNI perchè richiede come risoluzione ANCHE un qualcosa di inesistente.
Perintanto da una chiarezza non da poco, che è sicuramente logica e comprensibile, ma che molti ignorano ancora oggi anche nel settore dell'automobilismo storico: UNA COSA è il Codice della Strada, UN'altra le normative tributarie. Che in questo caso non son, chiaramente, identiche.
Il Codice della Strada considera le auto storiche come le considera (Registro Alfa, Lancia, Fiat....), e per quanto previsto dal suo ordinamento in materia di circolazione, revisione e via dicendo(es. luci accese o meno e via discorrendo). La questione fiscale è su un piano diverso.
Ora, va da se che paghiamo da undici anni lo strapotere e il monopolio dell'ASI (per quanto riguarda le auto). Perchè quando questa legge, richiesta da anni, finalmente ebbe la luce, il legislatore si aspettava che senza indugio l'ASI e la FMI facessero una determinazione, annuale, in cui venissero compresi i veicoli da considerare di interesse storico collezionistico: diciamo una sorta di elenco.
La FMI provvide a fare una lista chiusa (già prima esistevano le liste chiuse, per lista chiusa si intende un elenco di veicoli iscrivibili tenendone fuori altri, solo che in precedenza riguardava SOLO la iscrivibilità a un club o meno), l'ASI no.
Appare del tutto chiaro l'abuso monopolistico, peraltro espresso in modo da essere un domani "difendibile", dell'ASI che ha di fatto creato una situazione di disparità: l'ASI ha infatti "determinato" che sono di interesse storico collezionistico tutti i veicoli di vent'anni e + "in regola con il proprio regolamento tecnico nazionale".
La domanda allora nasce spontanea: essendoci questa "ennesima e ulteriore" forca caudina, chi dice che il veicolo è in regola col regolamento di questa associazione privata? Va da se che il primo a dire se è in regola o meno è l'ente stesso, cioè l'ASI, e l'ASI te lo dice se sei iscritto. E ti dice anche che per garantire il rispetto di quei canoni che lui ha imposto ("in linea col regolamento tecnico nazionale") devi essere iscritto ogni anno, mica una volta e basta.
Sicchè son stati belli che furbi: da un lato loro non fanno liste (quindi hanno un bacino di potenziali soci non definito, ergo amplissimo), ti danno dei parametri "in linea generale", e se vuoi esser tranquillo ti iscrivi e loro la certificazione te la fanno.
Essì perchè se NON sei iscritto, (una volta poi non so, recentemente si era parlato di fornirla anche ai non soci) ti attacchi al tram. L'ASI ti dice, e dice anche al legislatore, che non è tenuta a far servizio per i non associati e si inventasse qualcosa lo Stato.
Dal momento che i collezionisti son pochi voti, e che la legge già citata ha avuto un iter lungo e pareva un parto trigemellare difficoltoso, si è ben evitato di andare a rimetterci mano: anche quando recentemente pareva esserci il disegno di legge che sistemava le cose.
A complicare le cose ci si è messo poi il federalismo fiscale: il gettito della tassa di proprietà, o circolazione che sia, va alle Regioni che decidono "in relativa autonomia" le quasi si sentono legittimate a far come gli pare. Il RIAR, che non ha il peso dell'ASI, è stato anche recentemente accusato di aver fatto poco per consentire la tassazione agevolata anche ai suoi iscritti. Poteva sicuramente fare di più, e di meglio, ma ha posto l'attenzione ad altri aspetti di vita sociale più ludici. Non è la sede per trattarne.
Esistono allora Regioni che, a mio parere illegittimamente, chiedono 60 euro "a tutti" (Toscana, non mi pare legale perchè l'importo della tassa viene determinato dallo Stato, non dalla Regione) o regioni che applicavano indistintamente a tutti l'importo di euro 25.82 (solo se circoli) come la Lombardia.
Ripeto e ribadisco: della questione se ne son tutti strafottuti allegramente, tranne alcuni singoli che non volendo sottostare al ricatto dell'ASI avevano preparato degli interpelli. Tuttavia molti abbozzano, si iscrivono e pagano una "tangente" per non aver problemi, confidando nel fatto che rispetto a un bollo di 300 euro magari pagano 150 di tassa iscrizione club + quota asi. Altri invece godono del fatto che pagano 60 euro, legittimi o meno, ma si levano il pensiero perchè la Toscana non sta certo a chiedere alcunchè: e non elevando contestazione, son tutti felici e contenti. Idem la Lombardia.
Nel caso dell'interpello, comunque, è lapalissiano che se la moto dell'interpellante è compresa nella lista annuale FMI lui sta tranquillo e accede all'agevolazione.
Per le auto invece stante la politica dell'ASI non se ne esce: perchè la richiesta "certificazione" di cui si ciancia nell'interpello la fan solo ai soci.
---------------------------------------------------------------------
Se sulla Cisa ti sorpasso e ti mando affanculo è sicuramente perchè hai guidato male. Prenditi il vaffa e la prossima volta ricordatene.(anonimo ceparanese)
---------------------------------------------------------------------
'80 Alfasud 1.2 4p 5m ~ '94 33 1.3 IE Feeling ~ '15 Fiat 500 S ~ '15 Vespa GTS 300 Super
Avatar utente
Il FUSI
Cuore Sportivo
 
Messaggi: 10736
Iscritto il: 15/11/2004, 14:43
Località: La Spezia (Ceparana)

Messaggioda step'85 » 28/12/2011, 12:11

Grazie Leonardo, sempre chiaro come al solito!!! :OK)
Alfa Romeo 147 1.6 T.S. Blackline GPL Powered
Avatar utente
step'85
Alfista Veteran
 
Messaggi: 819
Iscritto il: 14/06/2006, 11:53
Località: Catania
Status: ...a gas!

Messaggioda secci » 28/12/2011, 17:08

penso che l'argomento (seppur non sia una novità, anzi) sia più interessante (e coerente) di quanto appaia: si ritiene che non sia l'iscrizione alla "tale" federazione o "tal'altra" associazione che determi l'esenzione, ma l'indicazione del modello in appositi elenchi

il contribuente può quindi godere dell'esenzione - pur non essendo iscritto a FMI o altro - (essendo il proprio mezzo indicato nell'elenco predisposto da FMI)
Semper Fidelis - Marchese Del Grillo philosophy - Giulietta color pisquano per controllare tutta Milano - Cinquecentisti.com Club 1973 e 2008 - Alfa 90 1.8QOro - A new beginning always starts at the end - (modificato da giangirm) Fan Club -
Avatar utente
secci
Cuore Sportivo
 
Messaggi: 30375
Iscritto il: 06/10/2004, 14:02
Località: Milano Città

Messaggioda Il FUSI » 29/12/2011, 12:47

Sì lo spirito della legge nel 2000 era quello.
La complicazione è venuta, per le auto (per le moto, con FMI, è sempre stato più semplice), grazie al paletto ulteriore messo dall'ASI. Che, quindi, ha scatenato la corsa, quasi "giustificata", al non riconoscimento del diritto da parte dei beneficiari del tributo, ovvero le Regioni.
Va da se che il motociclista di cui all'interpello si è rivolto all'Agenzia delle Entrate perchè sicuramente chi era preposto alla riscossione gli ha negato il diritto al pagamento forfettario previsto per i motocicli storici.
---------------------------------------------------------------------
Se sulla Cisa ti sorpasso e ti mando affanculo è sicuramente perchè hai guidato male. Prenditi il vaffa e la prossima volta ricordatene.(anonimo ceparanese)
---------------------------------------------------------------------
'80 Alfasud 1.2 4p 5m ~ '94 33 1.3 IE Feeling ~ '15 Fiat 500 S ~ '15 Vespa GTS 300 Super
Avatar utente
Il FUSI
Cuore Sportivo
 
Messaggi: 10736
Iscritto il: 15/11/2004, 14:43
Località: La Spezia (Ceparana)

LISTE CHIUSE INESISTENTI

Messaggioda etienne » 03/04/2012, 19:29

Leggendo la risoluzione sembrerebbe in effetti che l'asi dovesse emanare una lista di veicoli aventi almeno 20 anni e meno di trenta con valore collezionistico. in realta' non penso che lo fara' mai perche' attraverso l'attestato di datazione e storicita' consente ai sensi dell'art. 63 di ottenere le agevolazioni fiscali previste per i veicoli di interesse storico . preciso che tale attestato vale per tutti i veicoli ultraventennali si ottiene compilando un modulo con tutte le caratteristiche tecniche dell'auto e alcune foto deve essere sottoscritto dal delegato auto di un club affiliato ASI e ovviamente chi lo richiede deve essere iscritto ASI cosa che costa al minimo 100 euro annui + 30 euro per la pratica .
etienne
Alfista Junior
 
Messaggi: 45
Iscritto il: 25/10/2008, 23:33

Messaggioda Il FUSI » 05/04/2012, 8:26

Esattamente. All'epoca l'ASI parlò di "lista richiesta, ma non dovuta". E si rifiutò, a differenza di FMI, di compilare una lista di modelli A PRESCINDERE dalle condizioni del veicolo e della sua iscrizione all'ASI che ne dovrebbe "garantire" le buone condizioni generali.
---------------------------------------------------------------------
Se sulla Cisa ti sorpasso e ti mando affanculo è sicuramente perchè hai guidato male. Prenditi il vaffa e la prossima volta ricordatene.(anonimo ceparanese)
---------------------------------------------------------------------
'80 Alfasud 1.2 4p 5m ~ '94 33 1.3 IE Feeling ~ '15 Fiat 500 S ~ '15 Vespa GTS 300 Super
Avatar utente
Il FUSI
Cuore Sportivo
 
Messaggi: 10736
Iscritto il: 15/11/2004, 14:43
Località: La Spezia (Ceparana)


Torna a Affiliazione RIAR

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti